La rivolta degli investitori: niente gas in tassonomia verde, nì al nucleare

La Net-Zero Asset Owner Alliance prende posizione contro il gas nel provvedimento UE che regola quali investimenti sono sostenibili. Se questa fonte fossile viene inclusa, la strategia europea per la transizione “non è credibile”. E sull’energia dall’atomo l’alleanza che vale 10mila mld di dollari consiglia più prudenza

Tassonomia verde UE: pubblicato il nuovo testo
via depositphotos.com

Tra poche settimane l’UE pubblicherà l’ultima versione della tassonomia verde

(Rinnovabili.it) – Il gas deve restare fuori dalla tassonomia verde, altrimenti la transizione energetica dell’Europa non è credibile. E sul nucleare servono più cautele, l’ok va dato solo dopo aver valutato l’impatto con criteri più stringenti in base al principio di precauzione. Parole che piombano come macigni sul dibattito sul testo UE che regolerà quali investimenti sono considerati sostenibili e quali no. A dirlo infatti sono proprio gli stessi investitori che decideranno dove incanalare i loro soldi.

È la posizione della Net-Zero Asset Owner Alliance (NZAOA). Si tratta di un organismo riunito sotto il cappello dell’Onu e composto ormai da 61 membri. Ne fanno parte non gli Stati ma alcuni tra le maggiori assicurazioni e fondi pensione al mondo. In tutto, il portfolio di questa alleanza si aggira sui 10mila miliardi di dollari.

Leggi anche Nucleare e gas nella tassonomia verde UE, ecco il compromesso

“L’Alleanza sostiene una tassonomia che sia credibile, utilizzabile, basata sulla scienza e sulle evidenze”, si legge nel documento preparato da NZAOA, visto in anteprima da Bloomberg News. Cosa dovrebbe fare l’UE per costruire una tassonomia verde degna di questo nome e allineata con gli obiettivi più ambiziosi sul clima, ovvero gli 1,5 gradi?

Prima di tutto, separare nettamente la strada del gas da quella della tassonomia verde. In questo provvedimento il gas non deve figurare. La sua inclusione “sarebbe incoerente con l’alto livello di ambizione del quadro tassonomico dell’UE nel suo complesso”. Il suggerimento che arriva dagli investitori è di creare un provvedimento ad hoc, separato dalla tassonomia verde, che dia un ruolo transitorio, con una scadenza chiara, agli investimenti nel gas. In parte è già stato fatto: l’ultima proposta mette una tagliola al 2030 per questi investimenti. Ma si tratta ancora di ritocchi al testo della tassonomia.

Leggi anche Sondaggio Bei, gli italiani non vogliono nucleare e gas nella transizione energetica

Diverso il parere sul nucleare. Per l’energia dall’atomo l’Alleanza consiglia di fare delle valutazioni più prudenti e, soprattutto, di usare criteri più stretti per giudicare l’impatto complessivo dell’energia atomica. Per il nucleare “sarà della massima importanza applicare criteri rigorosi nel valutare” il principio del non nuocere in modo significativo (do not significant harm) “rispetto agli altri obiettivi ambientali per identificare un potenziale allineamento della tassonomia”, recita il documento. In filigrana sembra di cogliere un riferimento alla questione delle scorie e del combustibile esausto, vero tallone d’Achille dell’ok al nucleare nella tassonomia verde. (lm)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui