Nuovo sostegno alla geotermia dalla Banca Mondiale

Con un stanziamento di 115 milioni il nuovo programma CTF faciliterà gli investimenti del settore privato nelle attività di esplorazione del sottosuolo

Nuovo sostegno alla geotermia dalla Banca Mondiale(Rinnovabili.it) – Il sostegno internazionale all’energia geotermica nei paesi emergenti ha compiuto un importante passo avanti quando il Clean Technology Found (CTF), un programma del Climate Investment Funds (CIF), ha approvato 115 milioni dollari per un vasto progetto di sviluppo commerciale delle energie rinnovabili nel Sud del Mondo. Nel dettaglio il progetto, sviluppato dalla Banca mondiale in collaborazione con la Banca Africana di Sviluppo (AfDB), la Banca Asiatica di Sviluppo (ADB) e la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS), si concentrerà inizialmente sulla necessità di agevolare il coinvolgimento del settore privato nella conferma delle risorse geotermiche attraverso test di perforazione, il primo e più rischioso passo nello sviluppo della geotermia.

 

“Molti paesi in via di sviluppo dispongono di risorse geotermiche consistenti che potrebbero fornire energia pulita, affidabile e a basso costo”, ha spiegato Rohit Khanna, ESMAP Program Manager dell’Energy Sector Program Management Assistance presso la Banca mondiale. “Ma le operazioni di perforazione per convalidare queste la presenza di queste risorse sono proibitive per la maggior parte dei paesi, e finanziariamente rischiose per le aziende private. Il nuovo finanziamento del CTF  va incontro ad entrambe le sfide e potrebbe espandere l’esplorazione geotermica in questi paesi”. I 115 milioni di dollari sosterranno quattro progetti pilota  ad alto potenziale geotermico in Turchia, Cile, Messico e Indonesia. Il programma è aperto ad impegni aggiuntivi da parte di nuovi donatori nei prossimi mesi per ampliare la copertura ad altri paesi, come l’Etiopia e il Kenya.