Pepsico, obiettivi sostenibili ed energia rinnovabile

PepsiCo si è impegnata a raggiungere lo zero netto di emissioni di gas serra entro il 2040, ovvero circa dieci anni prima di quanto previsto dall’Accordo di Parigi

Pepsico
Foto di Pascua Theus da Pixabay

(Rinnovabili.it) – La PepsiCo ha annunciato un piano per ridurre del 40% entro il 2030 le emissioni di gas a effetto serra nella sua catena di produzione. Ma non si ferma qui: PepsiCo si è impegnata a raggiungere lo zero netto entro il 2040, ovvero con circa dieci anni di anticipo rispetto a quanto previsto dall’Accordo di Parigi. Queste azioni, quantificate in emissioni, porterebbero alla riduzione di più di 26 milioni di tonnellate di gas serra.

Nel 2020, PepsiCo ha raggiunto il suo obiettivo di fornire il 100% di elettricità rinnovabile negli Stati Uniti. L’obiettivo successivo è fornire il 100% di elettricità rinnovabile in tutte le operazioni di proprietà e controllate della società a livello globale entro il 2030 e in tutte le sue attività in franchising entro il 2040. Dodici paesi europei in cui opera PepsiCo si riforniscono già al 100% di elettricità rinnovabile. Nel 2021 PepsiCo prevede di raggiungere il 100% di elettricità rinnovabile anche in Messico e in Australia: questo significa che circa il 60% del fabbisogno energetico globale di PepsiCo sarà soddisfatto da fonti rinnovabili

Leggi anche Fotovoltaico per aziende, quali soluzioni per l’impresa?

Il piano d’azione di PepsiCo è incentrato sia sulla mitigazione, riducendo le emissioni di gas serra per decarbonizzare le sue operazioni e la catena di fornitura, sia sulla resilienza, riducendo le vulnerabilità agli impatti dei cambiamenti climatici.

La strategia di sostenibilità di PepsiCo, basata su studi scientifici e analisi costi-benefici, si concentra sulle aree in cui può avere il maggiore impatto, creando al contempo modelli e partnership per migliorare le performance lungo l’intera catena del valore. Attraverso il potenziamento di siti di produzione, stoccaggio, trasporto e distribuzione sostenibili dal punto di vista ambientale, PepsiCo vuole migliorare l’efficienza nella catena di fornitura grazie all’adozione di tecnologie a emissioni zero. Ad esempio, una delle misure adottate consiste nella progressiva riduzione della plastica nelle confezioni, preferendo l’impiego di materiale riciclato.

L’agricoltura rappresenta circa un quarto delle emissioni mondiali di gas serra e un terzo delle emissioni di PepsiCo. L’obiettivo dell’azienda è pertanto di puntare ancora di più sull’agricoltura sostenibile ovvero sulle pratiche agricole che aiutano a ridurre le emissioni, a migliorare la salute del suolo e la biodiversità, a diminuire la deforestazione e aumentare la produttività per gli agricoltori. La concretizzazione di questi obiettivi richiede anche una formazione che la multinazionale si impegna a fornire per implementare pratiche sostenibili e per migliorare la sussistenza degli agricoltori.

Leggi anche Per lo sviluppo sostenibile servono scelte coraggiose

Mitigare le emissioni di gas serra comporta la pianificazione di azioni coordinate. Il programma “Sustainable from the Start” pone il processo decisionale sull’impatto ambientale al centro della progettazione del prodotto. Inoltre, altri due programmi di PepsiCo sono volti a eliminare l’impatto del carbonio dei viaggi aerei di lavoro dei dipendenti e a valutarne l’impatto nella selezione dei vettori per la logistica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui