Olanda, ecco il fondo per finanziare la lotta ai cambiamenti climatici

Gestito da FMO, Climate Fund Managers, SNV e WWF-Netherlands, il fondo supporterà gli sforzi nella lotta ai cambiamenti climatici e ai suoi effetti. Porte aperte a imprenditori e finanziatori privati: “il potenziale di investimento è enorme”

cambiamenti climatici
Credit: DFCD

Per la lotta ai cambiamenti climatici,160 milioni di euro messi a disposizione dal governo olandese

(Rinnovabili.it) – Attraverso il Dutch Fund for Climate and Development (DFCD), tra il 2019 e il 2022, i Paesi Bassi metteranno a disposizione 160 milioni di euro per l’attuazione di progetti ambientali destinati ai paesi più poveri in via di sviluppo. 

Annunciato nell’accordo di coalizione del governo olandese e gestito da FMO, Climate Fund Managers, SNV e WWF-Netherlands, il nuovo fondo supporterà gli sforzi nella lotta ai cambiamenti climatici e ai suoi effetti, concentrandosi in particolare sulla gestione delle risorse idriche, sugli ecosistemi, sulla gestione delle coste, sulla silvicoltura, sull’agricoltura sostenibile e sulla lotta alla deforestazione. 

La sfida che affrontiamo per aiutare le comunità ad adattarsi e mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici è enorme e il campo d’azione è incredibilmente vasto”, ha dichiarato Carola van Rijnsoever, direttore della crescita verde inclusiva e ambasciatore per lo sviluppo sostenibile al ministero degli Affari esteri olandese. “Non possiamo fare tutto questo da soli: abbiamo bisogno che tutte le parti interessate siano abbastanza forti per affrontare la sfida e l’istituzione di questo consorzio, in cui finanza e ONG si uniscono, è il modo migliore per farlo”. 

 

All’interno del consorzio, WWF e SNV assumeranno un ruolo chiave nello sviluppo e nell’attuazione dei singoli progetti, mentre Climate Fund Manager e FMO forniranno il capitale di investimento. La speranza è infatti che i 160 milioni di euro messi a disposizione del governo olandese possano aumentare grazie all’intervento di finanziatori privati ed imprenditori: “il consorzio – ha spiegato da Linda Broekhuizen, Chief Investment Officer presso FMO – è desideroso di entrare in contatto con imprenditori lungimiranti, aziende innovative ed investitori privati ​​desiderosi di unirsi a noi in questa missione”. “Le opportunità ci sono – ha aggiunto Andrew Johnstone, Amministratore delegato di Climate Fund Manager –  Prendiamo ad esempio l’acqua: l’80% delle acque reflue del mondo finsce in fiumi e oceani senza prima essere trattata e, entro il 2025, metà della popolazione mondiale vivrà in aree altamente a rischio. Né il settore privato né quello pubblico stanno facendo abbastanza, ma insieme il potenziale di investimento è enorme”. 

Tutte le informazioni circa i progetti e il loro sviluppo saranno liberamente consultabili direttamente dal sito internet di www.thedfcd.com.

Leggi anche: “IPCC: “Cambiamenti climatici? E’ tutta una questione di finanza”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui