The Economy of Francesco, dare un’anima all’economia

The Economy of Francesco è un incontro internazionale voluto da Papa Francesco che riunisce ad Assisi mille giovani – età media 28 anni – provenienti da tutto il mondo con l’obiettivo di dare vita a una nuova economia a misura d’uomo. Una rete mondiale che, in questo spazio di confronto, prova a gettare le basi per una nuova cultura economica

di Isabella Ceccarini

The Economy of Francesco è un grande evento internazionale che riunisce ad Assisi mille giovani provenienti da tutto il mondo. La loro età media è di 28 anni.

Per un’economia a misura d’uomo

Tra loro molti studenti e laureati in discipline economiche, giovani imprenditori e fautori del cambiamento con l’obiettivo di dare vita a una nuova economia a misura d’uomo.

Un’importante occasione di riflessione e azione sui temi della finanza, del lavoro, della sostenibilità e dell’impresa.

Papa Francesco ha lanciato tre anni fa questa iniziativa che come protagonisti i giovani, veri costruttori di futuro. Al termine dei lavori, che si svolgeranno dal 22 al 24 settembre, i partecipanti firmeranno un patto con il Papa.

Alla presentazione dell’evento, nella sala stampa della Santa Sede, hanno partecipato S.E. Mons. Domenico Sorrentino, Vescovo di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino e di Foligno e Presidente del Comitato organizzatore di The Economy of Francesco; Suor Alessandra Smerilli, F.M.A., Segretario del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale, delegata per la Commissione Vaticana per il Covid-19 e membro del Comitato scientifico di The Economy of Francesco; la giornalista guatemalteca Lourdes Hércules, staff di The Economy of Francesco; Tainã Santana, studente di economia (Brasile); Aiza Asi, dottoranda in Economia e Management (Filippine); Giulia Gioeli, dottoranda in Scienze dell’economia civile (Italia) e Matteo Bruni, direttore della Sala Stampa della Santa Sede.

12 villaggi tematici

Durante i tre giorni di The Economy of Francesco ci sarà uno scambio di idee e di esperienze, frutto dei tre anni di lavoro precedenti. Molti i relatori di rilievo, tra cui Jeffrey Sachs, Vandana Shiva, Stefano Zamagni, Suor Helen Alford, Sabina Alkire.

Oltre ai 12 villaggi tematici (Lavoro e cura; Management e dono; Finanza e umanità; Agricoltura e giustizia; Energia e povertà; Vocazione e profitto; Politiche per la felicità; CO2 della disuguaglianza; Business e pace; Economia è donna; Imprese in transizione; Vita e stili di vita), è previsto uno spazio di co-creazione, incontro, confronto realizzato dai giovani per i giovani.

L’evento più atteso, ovviamente, è la visita del Santo Padre, prevista per il 24 settembre.

Le due edizioni precedenti

A causa del Covid, nei primi due anni la manifestazione si è svolta online (500mila visualizzazioni), ma ha comunque generato un movimento di pensiero che ha coinvolto 3mila giovani da 120 Paesi dei 5 continenti.

Alle precedenti edizioni hanno partecipato 12 gruppi di lavoro internazionali; ai 50 webinar hanno partecipato 50 esperti di fama internazionale, fra cui 3 Premi Nobel.

Ricordiamo anche la nascita di alcuni progetti imprenditoriali tra cui Farm of Francesco (una rete globale di agricoltura rigenerativa) e Pecar School (formazione tecnologica per i giovani in Zambia per lo sviluppo delle economie locali).

The Economy of Francesco è un processo in atto

Il Vescovo di Assisi, Domenico Sorrentino, ha sottolineato il valore simbolico di Assisi, «una capitale spirituale dove tessere questa rete di relazioni, perché prima della conversione economica viene quella umana e relazionale».

La speranza, concreta, è quella di «gettare le basi per una nuova cultura economica. Crediamo fortemente che questi giovani, partendo dal Patto che firmeranno con il Santo Padre, possano da qui in avanti aprire un dialogo con il mondo imprenditoriale, le istituzioni bancarie, i grandi colossi energetici e i centri dell’alta finanza. Attraverso un dialogo costruttivo e un confronto efficace si può davvero sperare di cambiare qualcosa».

Grande entusiasmo ha espresso Suor Alessandra Smerilli, membro del Comitato scientifico di The Economy of Francesco che riunisce ad Assisi «giovani economisti e imprenditori che vogliono impegnarsi in un patto per cambiare l’economia attuale, dare un’anima all’economia del futuro.

L’Economia di Francesco non è un evento: è un processo già in atto, è un insieme di iniziative, una rete mondiale di giovani, che vedrà ad Assisi un momento pubblico, e da lì ripartirà per continuare nel quotidiano.

Economia di Francesco è mettere insieme la profezia della Laudato si’ e della Fratelli tutti, e il coraggio di toccare, abbracciare la povertà, proprio di San Francesco di Assisi».

Articolo precedenteDalle chele di granchio l’ingrediente delle nuove batterie allo zinco
Articolo successivoIl fotovoltaico alpino di Axpo produrrà di più grazie alla neve

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui