Al via la costruzione di Populus, il primo hotel Carbon positive degli USA

Ispirato ai Pioppi del Colorado, Populus sarà un punto di riferimento per il turismo mondiale, diventando il primo hotel carbon neutral degli USA

carbon-positive
Populus credits: Studio Gang

Per raggiungere il traguardo carbon positive si farà attenzione a tutto il ciclo costruttivo dell’edificio

(Rinnovabili.it) – Entro il 2023, la città di Denver in Colorado vedrà la costruzione del primo hotel Carbon Positive degli Stati Uniti. Progettato dallo Studio Gang e realizzato dagli sviluppatori di Urban Village, l’hotel soprannominato Populus, dalle piante di Pioppo tremulo tipiche della zona, è pronto a diventare un punto di riferimento per i viaggi sostenibili.

L’idea alla base del progetto nasce come risposta alle esigenze dei viaggiatori contemporanei, consapevoli delle sfide ambientali ed attenti ai consumi.

Da carbon neutral a carbon positive

E’ questo desiderio di cambiare che ha spinto gli svilupparoti di Urban Villge ed i progettisti di Studio Gang a superare il concetto tradizionale di carbon neutral, andando oltre.

Populus per definizione, sarà il primo hotel carbon positive degli States, una strutta che dalla sua costruzione fino alla manutenzione successiva, non smetterà di guardare agli aspetti sostenibili.

Leggi anche One Delisle, un grattacielo a 16 facciate ed alta sostenibilità

Accanto agli accorgimenti passivi ed attivi di cui sarà dotato l’hotel, c’è in previsione di piantuamare oltre 5.000 acri di foresta, arrivando a compensare un’impronta di carbonio equivalente a quasi 2300 mc di gas serra.

Ispirato ai Pioppi del Colorado

carbon positive
credits: Studio Gang

Ciò che attira di Populus è senza dubbio la facciata. Ed è proprio qui che risiede il segreto della sua efficienza. L’ispirazione arriva dalle stesse piante che gli danno il nome, i Pioppi Tremuli o Populus tremuloides. I tipici “occhi” disegnati sulle cortecce dai rami che si staccano man mano che l’albero cresce, si trasformano nelle aperture dell’edificio. Ciascuna finestra è protetta da una schermatura soprastante, definita proprio “lids” (palpebra) dai progettisti. La differenza di sporgenza rispetto alla facciata di questi aggetti, va in base alle condizioni climatiche di Denver. Per proteggere gli ambienti interni durante l’intero anno. Inoltre queste lids, sono ideate per far scorrere l’acqua piovana lungo i lati delle finestre, permettendo all’edificio di restare sempre pulito.

All’interno le finestre variano di dimensioni a secondo della funzione, assicurando privacy, ma senza ridurre la luce naturale.

Ridurre l’impronta di carbonio

Sin dalla sua costruzione alla fase operativa, l’hotel carbon positive presterà attenzione agli aspetti ambientali. La struttura sarà realizzata con calcestruzzo a basse emissioni integrato da materiali ad alto contenuto riciclato. Meno materiali di finitura e meno sprechi chiuderanno il cerchio, mentre gli impianti ad alta efficienza, il fotovoltaico e la tecnologia innovativa conterranno i consumi.

Altra caratteristica interessante sarà la copertura a verde. Una terrazza piantumata con vegetazione locale attrezzata per gli eventi e la socialità ed utile per raffrescare naturalmente l’edificio.

La costruzione dovrebbe terminare nel 2023.

Articolo precedenteGiornata mondiale vittime dell’amianto 2022, in Italia ancora 4.400 morti l’anno
Articolo successivoElectric Path, una rete di ricarica dei veicoli elettrici negli ospedali

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui