Land of the water: l’architettura galleggiante che sfrutta moduli di plastica riciclata

Il team danese di MAST ha messo a punto un sistema per l’architettura galleggiante che sfrutta la tecnica dei gabbioni inserendovi all’interno galleggianti di plastica riciclata

L’architettura galleggiante di MAST è stata scelta anche da Milano per recuperare il bacino idrico di una ex cava

(Rinnovabili.it) – L’innalzamento del livello dei mari e le frequenti inondazioni hanno alzato il livello d’allarme sugli eventi climatici imprevedibili. In questo contesto la parola che sempre più spesso si sente è resilienza. Resilienza naturale, ma anche resilienza delle città e degli insediamenti umani. Il team danese di MAST ha immaginato un’architettura galleggiante resiliente all’innalzamento del livello di mari, ma allo stesso tempo ecofriendly nei materiali di cui è composta.

I pontili o le costruzioni galleggianti, solitamente utilizzano strutture di cemento armato, o calcestruzzo riempito di poliestere o pontoni in plastica. Tutte soluzioni difficili da trasportare, rigide e poco sostenibili.

Plastica riciclate

La soluzione di MAST invece utilizza plastica rinforzata riciclata per dare vita a “Land of Water”. Un sistema costruttivo modulare facilmente trasportabile, che fornisce una base galleggiante sicura e sostenibile.

L’alta flessibilità si presta a qualsiasi tipo di contesto tanto da essere già stato scelto in varie località del mondo come le case galleggianti di Seattle, i campeggi flottanti sul fiordo di Oslo, le saune sul lungofiume di Hobart. E recentemente anche Milano ha optato per Land of Water, per trasformare il lago di una ex cava in zona Segrate, in una struttura turistica con tanto di ristorante e alloggi galleggianti.

Leggi anche Siglato l’accordo per costruire il primo prototipo di città galleggiante sostenibile

Il sistema si ispira ai gabbioni, un’antica tecnica che utilizza delle gabbie in rete riempite di residui e macerie per creare fondamenta robuste e a basso costo. Nel caso delle architetture galleggianti di MAST invece il sistema è invertito: le gabbie modulari sono riempite con galleggianti riciclati di provenienza locale che supportano il peso di qualsiasi struttura costruita sopra. Inoltre in Land of Water il galleggiamento può essere regolato a seconda delle esigenze, nel caso in cui il peso sovrastante aumenti.

Proteggere la biodiversità

moduli per gabbioni – credits: MAST

Il sistema Land of Water favorisce anche la biodiversità sottomarina. Mentre le fondamenta in acciaio o cemento sono trattate con vernici idrorepellenti il più delle volte antivegetative e tossiche, i gabbioni diventano un punto d’ancoraggio perfetto per molluschi e alghe, favorendo la proliferazione di crostacei e pesci autoctoni.

Articolo precedenteFederdistribuzione, linee guida per ridurre i consumi energetici nei punti vendita
Articolo successivoAnche i robot coltivano fagioli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui