Dalle ceneri dell’ex Tegel Airport di Berlino sorgerà un hub tecnologico net zero

La riqualificazione del sito del Tegel Airport lascerà spazio ad un distretto tecnologico, residenziale e green, libero dalle auto, alimentato da energia pulita e per tutte le tasche

tegel airport
credits: Berlin TXL

Berlin TXL- the Urban Tech Republic sarà ultimato entro il 2027

(Rinnovabili.it) – Sono ufficialmente partiti i lavori per la riqualificazione del sito dell’ex- Tegel Airport di Berlino per fare spazio ad un nuovo polo tecnologico e residenziale dalle grandi aspettative.

Il Berlin TXL – the Urban Tech Republic, rivendica un pezzo di città abbandonato e lo trasforma in uno spazio per l’industria, gli affari, la scienza ed un parco per la protezione della biodiversità.

Ben 5 km quadrati da riqualificare a soli 15 minuti dal centro città, in un’ottica ecologica ed efficiente, dove start-up e imprese avranno la possibilità di confrontarsi in un contesto stimolante. Nelle immediate vicinanze dell’ Urban Tech Republic sorgerà il quartiere intelligente Schumacher, con più di 5.000 abitazioni per gli oltre 10mila nuovi residenti attesi e completamente car free.

Sei temi chiave per far rivoluzionare il sito del Tegel Airport

Il progetto di riqualificazione dell’ex aeroporto di Tegel è finanziato direttamente dal governo locale che ha affidato i lavori alla Tegel Projekt. Il desiderio è quello di rispondere al problema globale della crescita di popolazione nelle città, offrendo un modello di riferimento da cui trarre spunto.

Sei i principi chiave che seguirà il piano di sviluppo:

  • sistemi net zero energy e uso efficiente dell’energia
  • trasporto ecologico
  • acqua pulita
  • raccolta differenziata e riciclo
  • uso di nuovi materiali per applicazioni come l’edilizia sostenibile
  • controllo in rete dei sistemi e ICT

All’interno del progetto sarà dato valore anche ai sistemi costruttivi in legno ed all’edilizia sostenibile, attenendosi alle migliori certificazioni sul campo.

Ma Berlin TXL non sarà solo per ricchi. Il desiderio condiviso tra i fautori ed i finanziatori è creare un polo tecnologico, ma anche residenziale, a portata di tutti. Un punto di riferimento completo di scuole, strutture sanitarie e attività commerciali. Non solo. All’interno dell’ex area del Tegel Airport sorgerà un parco naturale indispensabile per permettere alla biodiversità di proliferare, inserendo l’intero progetto nel cuore della natura. I percorsi verdi faciliteranno la “mobilità lenta”, i percorsi a piedi o in bicicletta. Nello stesso tempo saranno sempre assicurati i collegamenti con il centro di Berlino, puntando su una flotta di mezzi pubblici ecologici.

Secondo le tempistiche il progetto potrebbe raggiungere il completamento entro il 2027.

Articolo precedenteQualità dell’aria, l’Enea testa il monitoraggio con dettaglio al numero civico
Articolo successivoPiano energetico UK, il GBC alla Truss: per risultati concreti non bastano le sovvenzioni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui