Emissioni degli edifici, decarbonizzazione al palo e CO2 in aumento

Il rapporto della GlobalABC fotografa una situazione in grande affanno. L’anno scorso le emissioni da edilizia e funzionamento degli edifici sono aumentate di 10 Gt. E il trend di decarbonizzazione si è dimezzato in 4 anni

Emissioni degli edifici
credits: Pete Linforth da Pixabay

Nel 2019 record assoluto di emissioni degli edifici primarie e secondarie a livello globale

(Rinnovabili.it) – Il 2019 è stato l’anno record per le emissioni prodotte dall’edilizia e dagli edifici. Allontanandosi così dagli obiettivi dell’accordo di Parigi sul clima. Lo rivela un rapporto appena pubblicato della Global Alliance for Buildings and Construction (GlobalABC), il gruppo nato alla COP21 che riunisce governi, ong e think tank allo scopo di decarbonizzare il comparto edilizio e abbattere le emissioni degli edifici.

Giunto alla 5° edizione, il rapporto fotografa i progressi del settore dell’edilizia e delle costruzioni a livello globale sui driver delle emissioni di CO2 e della domanda di energia, nonché sullo stato delle politiche, della finanza, delle tecnologie e delle soluzioni che supportano la transizione verso un settore edile e delle costruzioni a emissioni zero.

Leggi anche Emissioni globali: la scorciatoia per tagliarle passa da edilizia e auto

E i risultati dell’anno passato sono tutt’altro che incoraggianti. L’uso di carbone, petrolio e gas naturale per il riscaldamento, l’illuminazione e le attività di cucina ha portato ad un aumento delle emissioni legate al funzionamento degli edifici di circa 10 Gt nel 2019. Cifra che include sia le emissioni dirette, sia quelle indirette che provengono dalla generazione di energia. E che corrisponde al 28% delle emissioni di CO2 globali legate all’energia. Quadro a tinte ancora più fosche se si include nel computo anche quanto prodotto dal settore dell’edilizia. In questo caso, infatti, la fetta cresce fino a toccare il 38% del totale a livello globale.

Per il 2020, probabilmente, la situazione sarà leggermente diversa a causa degli stop legati alla pandemia. Un’occasione da sfruttare, sottolineano gli autori del rapporto. Perché il trend degli ultimi anni è stato pessimo. Il tracciatore climatico degli edifici di GlobalABC, infatti, mostra che il tasso annuale di progresso nella decarbonizzazione degli edifici sta rallentando. E non è un rallentamento di poco, anzi: si è quasi dimezzato tra il 2016 e il 2019.

Leggi anche Un boom europeo di edifici in legno? Cancellerebbe metà della CO2 del cemento

Per ricondurre il settore degli edifici sulla buona strada per raggiungere zero emissioni di carbonio entro il 2050, il rapporto stima che tutti gli attori della value chain degli edifici dovrebbero aumentare di cinque volte il volume di azioni messe in campo per la decarbonizzazione e il loro impatto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui