I condomini del futuro, belli, inclusivi e green: l’esempio di Harmonia 1250 di Triptyque

Un’architettura di qualità permeabile tra interno ed esterno, diversa da ogni angolazione, ma perfettamente integrata al contesto, arricchita da una doppia pelle verde. E’ Harmoni 1250 il progetto di Triptyque Arquitetura per San Paolo

harmonia-1250
Foto ©Ricardo Basseti – credits Tryptique Arquitetura

L’edificio Harmonia 1250 si trova nel vivace quartiere di Villa Madalena

(Rinnovabili.it) – Superare la tradizionale visione di “edificio simile ad una scatola”, questo è l’obiettivo di tutti i progetti del team di Triptyque Arquitectura. E il condominio Harmonia 1250 ne è un esempio esemplare.

Costruito per il vivace quartiere Villa Madalena di San Paolo, in Brasile, l’edificio rivendica la differenza come valore aggiunto e l’architettura come strumento per migliorare la qualità della vita urbana. Per uscire dalla semplificazione standardizzata del mercato immobiliare della città brasiliana, i professionisti di Triptyque Arquitetura hanno immaginato un edifico ad uso misto con un programma verticale di negozi, uffici e appartamenti.

Invece di essere chiuso verso l’interno, Harmonia 1250 è una struttura aperta, collegata all’esterno e organizzata seguendo le specificità del terreno e la sua altimetria. Questo ha dato origine ad un’architettura sempre diversa a seconda del punto di vista da cui si osserva. E, allo stesso tempo, quasi rivoluzionaria nei confronti del classico concetto costruttivo razionalista. Tre i temi che determinano lo sviluppo del progetto: il rapporto con il suolo e lo spazio urbano; la qualità degli spazi indoor assicurando la migliore ventilazione, illuminazione e gestione degli spazi; la permeabilità tra interno ed esterno.

Sfruttare gli spazi di collegamento in verticale

La forma irregolare del terreno su cui sorge l’edifico di Triptyque Arquitetura, composto da piccoli lotti preesistenti, ha ispirato la realizzazione di un edificio con due estremità sporgenti unite da un corpo allungato. Questo elemento è studiato per essere il camminamento di collegamento tra i due lati, ma a circolazione verticale.

Leggi anche La facciata a verde pensile di Villa M porta l’Amazzonia nel cuore di Parigi

I piani superiori sono destinati alle residenze e mantengono una diversa matricità, mentre proprio a testimonianza dell’uso misto della struttura. Il piano terra invece è visibilmente permeabile e si comporta come una facciata attiva attraversata da più accessi. Ogni piano ha la sua vista, estendendosi verso l’esterno secondo una continuità diretta tra interno ed esterno.

Il verde come linguaggio

Le facciate degli uffici di Harmonia 1250 sono infatti terrazze protette da brise soleil metallici e da uno strato di verde. Una vera e propria doppia pelle che riveste e protegge l’edificio, rendendolo traspirante e aperto verso la città. Ogni vaso in facciata è irrigato grazie ad un sistema di gocciolamento integrato, studiato per garantire un basso consumo di acqua.

Articolo precedenteMicromobilità in crescita in tutta Europa
Articolo successivoCrisi energetica: imprese del riciclo in ginocchio, a rischio l’economia circolare

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui