La prima Casa stampata in 3D a più piani è in costruzione n Texas

Per la prima volta viene integrato alla stampa 3D si un edificio un sistema costruttivo cemento-legno, che permette di crescere in altezza senza rinunciare alla massima flessibilità e personalizzazione

casa-stampata-3d-più-piani
credits: HANNAH Design Office – Credit photo: Anthony Vu

Ridurre gli sprechi, i costi ed i tempi, questo l’obiettivo della casa stampata in 3D a più piani del Texas

(Rinnovabili.it) – L’unione fa la forza, recita un detto. Lo sa bene il team di costruttori che a Houston, Texas sta completando la prima casa stampata in 3D a più piani, degli Stati Uniti.

Anche se ormai ci stiamo abituando a sentir parlare di architetture stampate, questa tecnica costruttiva è ancora in piena evoluzione, alla ricerca del giusto compromesso tra tecnologia e reale costruzione. Il sistema messo in pratica nella casa da 371 mq (4000 piedi quadrati) sfrutta una soluzione costruttiva ibrida, che combina la stampa 3D in cemento con un’intelaiatura in legno. In questo modo la casa può crescere in altezza, adattandosi alle più svariate esigenze.

Il progetto è il culmine di uno sforzo di collaborazione durato due anni tra l’HANNAH Design Office, PERI 3D Construction, leader internazionale nella stampa 3D con all’attivo già sei strutture completate negli Stati Uniti e in Europa, e CIVE appaltatore di progettazione e costruzione con sede a Houston.

“Il nostro impegno punta ad aumentare l’impatto, l’applicabilità, la sostenibilità e l’efficienza in termini di costi della stampa 3D per i futuri edifici residenziali e multifamiliari negli Stati Uniti“, afferma Sasa Zivkovic, assistenti professori di architettura presso il College of Architecture, Art and Planning (AAP) e co-preside dell’HANNAH.

Sfruttare il sistema ibrido per la massima personalizzazione

La stampa di alloggi in 3D ha come obiettivo primario la riduzione dei costi di costruzione, dei tempi e degli sprechi. Nella casa stampata in 3D a più piani di Houston la struttura è stata suddivisa in una serie di nuclei stampati con all’interno spazi funzionali e le scale. Ciascun nucleo è connesso all’altro grazie all’intelaiatura in legno. In questo modo si alternano i materiali migliorando il design, ma si ha anche la possibilità di personalizzare singolarmente ciascun alloggio, senza compromettere la stabilità dell’architettura.

Leggi anche La prima biocostruzione “viva” stampata in 3D con terra e semi

Il prototipo texano per il momento è destinato ad una residenza, tuttavia questa soluzione costruttiva ibrida cemento/ legno potrà facilmente applicarsi anche ad edifici multifunzionali.

Risparmio energetico e attenzione ambientale

La macchina messa in campo per stampare questa casa in 3D a più piani è sviluppato dalla PERI Construction. La struttura misura 18 metri di lunghezza, 9 metri di larghezza e 9 metri di altezza ed utilizza una miscela in cemento con bassa impronta di carbonio, grazie alla provenienza locale ed al recupero di scorie industriali o sottoprodotti. La massima efficienza energetica è assicurata dal sistema di isolamento a schiuma integrato alle pareti e affiancato da un impianto di riscaldamento e ventilazione ad alta efficienza.

Secondo il designer Leslie Lok, autore del progetto e collega di Zivkovic all’AAP e all’Hannah, con la casa stampata in 3D a più piani di Houston, si è messo in pratica per la prima volta un sistema costruttivo ibrido legno cemento, integrato alla stampa e che si presta a creare strutture elevate in altezza e multifunzionali.

Articolo precedenteIl Consiglio Energia studia un price cap sul carbone
Articolo successivoL’Italia sarà co-presidente dell’hub globale sul clima dedicato ai giovani

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui