PNRR e Scuole innovative: ben 1.737 proposte arrivate per le 212 da realizzare

Costruire 212 nuove scuole innovative, sostenibili, sicure e inclusive. Si chiude la prima fase del bando previsto dal Miur e finanziato secondo il PNRR

scuole-innovative
via depositphotos.com

La costruzione delle future scuole innovative dovrà rispettare le linee guida stilata dalle archistar

(Rinnovabili.it) – Si è chiuso da poco il bando di concorso per la progettazione e realizzazione delle 212 Scuole innovative, sostenibili, sicure e inclusive, finanziate dal PNRR. Le proposte ideative arrivate al Ministero attraverso la piattaforma del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori e Paesaggisti, sono ben 1.737. Un ottimo risultato che dimostra l’interesse degli Enti Locali nel voler mettere a nuovo il patrimonio di edilizia scolastica italiano, da troppo tempo lontano da interventi di riqualificazione consistenti.

leggi anche Helsinki, quando a progettare l’asilo nido sono gli stessi bambini

“La grande partecipazione registrata testimonia la voglia che c’è, nel Paese, di partecipare ai processi di innovazione e alla grande opportunità riformista offerta dal Pnrr – sottolinea il Ministro Bianchi -. Ringrazio il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori per il contributo prezioso e tutte e tutti i progettisti che si sono messi in gioco immaginando le scuole del futuro insieme a noi: innovative, aperte al territorio, sicure, accoglienti, pensate per una nuova didattica”.

Si apre ora la fase di valutazione del bando di concorso, che permetterà di giudicare le proposte pervenute in base a diversi criteri:

  • qualità architettonica della proposta (con riferimento alla didattica e alla relazione tra ambiente esterno e interno alla scuola);
  • la funzionalità e flessibilità nella definizione e distribuzione degli spazi scolastici, con riferimento alle metodologie didattiche innovative;
  • la sicurezza, con particolare riferimento agli aspetti anti sismici; la sostenibilità ambientale ed economica;
  • l’accessibilità e il dimensionamento dell’edificio per il relativo grado di istruzione, considerato il numero delle studentesse e degli studenti beneficiari dell’intervento.

I 212 progetti vincitori per le scuole innovative verranno selezionate dalle 20 commissioni nominate dal Ministero dell’Istruzione, suddivise su base regionale. Il procedimento terminerà il 7 ottobre, data in cui dovranno essere pubblicate da parte del Miur, i codici dei progettisti ammessi alla seconda fase del concorso, ovvero un massimo di 5 progetti per ogni area.

Il progetto giudicato migliore riceverà il premio e diventerà di proprietà degli enti locali beneficiari, che si occuperanno di affidare le fasi successive della progettazione e dei lavori. Si tratta di uno stanziamento complessivo di 189 milioni di euro, dei quali al Mezzogiorno andranno il 42,2% dei fondi.

Leggi anche Presentate le Linee Guida per le scuole innovative dei prossimi concorsi del Pnrr

L’obiettivo è traghettare il settore nel futuro realizzando Scuole Innovative basate sulle Linee Guida “Progettare, costruire e abitare la scuola”, elaborate dal gruppo di lavoro, composto da grandi architetti, pedagogisti ed esperti della scuola, voluto e istituto dal Ministro Patrizio Bianchi.

Articolo precedenteUpcycling: come ottenere combustibili dalla plastica riciclata
Articolo successivoAlberi galleggianti, le nuove turbine eoliche offshore di World Wide Wind

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui