Prada aderisce a Forestami, puntando tutto sulle sue sue uniche “fabbriche-giardino”

Il futuro dei luoghi di lavoro e delle metropoli è verde. Con l’adesione del Gruppo Prada al progetto Forestami, la società si impegna a promuovere il verde urbano e diffondere il suo concetto di fabbriche-giardino

fabbriche giardino Prada
Canali Associati, Polo Logistico Gruppo Prada, Levanella (Arezzo) – Photo credit: Gabriele Croppi

Forestami prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030 a Milano e dintorni

(Rinnovabili.it) – Riforestare la città di Milano e riportare la natura nel cuore delle città e dei luoghi produttivi trasformandoli in fabbriche-giardino. E’ questo il messaggio che il Gruppo Prada ha voluto portare avanti con la sua adesione al progetto Forestami, iniziativa che prevede la messa a dimora di 3 milioni di alberi entro il 2030 a Milano e dintorni. L’occasione per il lancio della nuova iniziativa è stato l’appuntamento milanese della Green Week, durante il quale il gruppo leader nella moda ha sostenuto il simposio “La natura al centro della ricerca e della progettazione degli spazi di lavoro”. L’evento, che ha visto anche la partecipazione dell’architetto Stefano Boeri, presidente del Comitato scientifico di Forestami, è stato introdotto da un messaggio di Lorenzo Bertelli, Head of Corporate Social Responsibility del Gruppo Prada. “Sono chiamato quotidianamente a riflettere su cosa il nostro gruppo possa fare per la comunità, per l’ambiente e per le future generazioni”. “L’adesione a Forestami è un ulteriore passo. Suggerisce un’analogia tra la filosofia alla base delle nostre ‘fabbriche-giardino’ e il contributo per il verde nella città di Milano. Con questo progetto ci impegniamo inoltre a offrire ai cittadini occasioni di dialogo e partecipazione attiva.”

Leggi anche La fabbrica nella foresta che grazie alla biofilia connette i lavoratori alla natura

Il messaggio infatti non è una novità per il Gruppo Prada. Da anni la società porta avanti progetti sperimentali che trasformano i luoghi produttivi più tradizionali in vere e proprie “fabbriche-giardino”. A guidare questo importante lavoro di restyling green è l’architetto Guido Canali, che in occasione del simposio ha illustrato l’ultimo intervento costruito per il gruppo Prada: il Polo Logistico di Levanella ad Arezzo.

Le fabbriche-giardino e il verde nei luoghi di lavoro

L’architettura non si riesce a raccontare, la si apprezza guardandola, annusandola, toccandola, immedesimandosi”, ha dichiarato l’architetto Guido Canali in occasione del simposio milanese. “Per Prada abbiamo realizzato lavori di precisione nei quali l’obiettivo principale è stato dare luce e inserire verde laddove possibile”. Il Polo Logistico di Arezzo è l’ultimo esempio, in ordine di tempo, a trasformare questi concetti in realtà. I progetti di Canali per le fabbriche-giardino del Gruppo Prada partono prima di tutto dal rispetto verso il territorio circostante. A questo si aggiunge un’attenta sensibilità al benessere dei lavoratori. Questi ingredienti insieme danno vita ad un’architettura in equilibrio tra lavoro dell’uomo e natura.
Le fabbriche-giardino hanno ampie superfici vetrate per offrire la massima permeabilità visiva e alla luce naturale. Le energie rinnovabile, il fotovoltaico, la geoterimia e il solare termico, coprono buona parte dei consumi energetici, mentre i rigogliosi giardini orizzontali e verticali creano un filtro naturale. Nel Polo Logistico di Levanella per esempio, il padiglione riservato alla mensa è costruito al riparo di un pergolato da 1.500 mq, allestito a 10 metri dal suolo. Qui i rampicanti creano un tappeto orizzontale che protegge dal sole ricreando la sensazione di trovarsi immersi in une bosco.

Articolo precedenteLa fuoriuscita di metano dal Nord Stream è “solo” 70mila t, il 2% delle emissioni della Francia
Articolo successivoL’innovazione energetica di Eni in mostra alla Maker Faire 2022

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui