Riciclo industriale, SeeMonster: da piattaforma di gas offshore a vetrina di soluzioni green

Una piattaforma di gas offshore da 450 ton è stata trasformata in un’installazione artistica dotata di sculture che producono energia rinnovabile, giardini pensili, cascate e facciate cinetiche

L’opera SeeMonster fa parte del festival UK dedicato al riciclo industriale creativo

(Rinnovabili.it) – Trasformare una struttura dismessa destinata alle fonti fossili, in una vetrina di strategie sostenibili e rinnovabili. E’ questo l’obiettivo dell’insolito festival artistico Unboxed: Creativity che lungo le coste della cittadina Weston-super-Mare in Inghilterra ha portato il riciclo industriale ad un nuovo livello. L’opera chiamata SeeMonster è stata realizzata dal team creativo di Newsubstance che ha trasformato una vecchia piattaforma per l’estrazione di gas offshore, in un edificio con tanto di cascata, giardino naturale, energia rinnovabile cinetica, solare ed eolica.

“La trasformazione di una piattaforma dismessa in una delle installazioni di arte pubblica più ambiziose del Regno Unito è stata un’impresa senza precedenti e offre un progetto per il riciclo industriale di strutture di cui tutti i soggetti coinvolti dovrebbero essere orgogliosi”, ha sottolineato Martin Green, ideatore del festival UK.

L’opera d’arte SeeMonster ricicla le 450 tonnellate della piattaforma proveniente dal Mar del Nord, trasformandole in un oggetto dove sperimentare soluzioni tecnologiche e scientifiche innovative, in grado di rispondere al meglio alle sfide attuali che ci troviamo ad affrontare.

Leggi anche L’edificio brutalista del Bauhaus trasformato in net-zero hotel

Un’installazioni d’arte alimentata da energia pulita

Il riciclo industriale di SeeMonster applica diverse strategie di trasformazione differenti, svelate settimana dopo settimana come un’opera d’arte nell’opera d’arte. La prima di queste trasformazioni green è realizzata dall’artista cinetico Ivan Black che l’ha definita “tanto opera di ingegneria quanto d’arte”. Si tratta di 6.000 pezzi in alluminio che formano la facciata cinetica. Un’altra trasformazione chiave delle piattaforma offshore è il giardino selvaggio in copertura che arricchisce la biodiversità del luogo con piante ed essenze adatte al clima balneare. Il SeeMonster è poi dotato di sculture alimentate dall’energia rinnovabile del sole e del vento e di una cascata alta oltre 10 metri.

L’accesso alla struttura è gratuito e appositamente studiato per incuriosire il pubblico, attirando l’attenzione sulle infinite possibilità offerte dal riciclo industriale creativo e più in generale dalla riqualificazione di strutture dismesse.

Articolo precedenteEuropean Energy: accordo con Iren per cessione di progetti fotovoltaici da 39 MW ready to build
Articolo successivoGeoLagon, il primo ecovillaggio autosufficiente grazie all’energia geotermica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui