AIoT, quando è l’Intelligenza Artificiale a governare l’IoT nelle smart cities

La città intelligente di domani sarà in grado di apprendere in autonomia, gestendo al meglio le sue risorse, la sicurezza e la qualità della vita. L’ecosistema AIoT è realtà.

AIoT
Foto di Tumisu, please consider ☕ Thank you! 🤗 da Pixabay

Una partnership strategica per diffondere l’Artificial intelligence of things (AIoT) a livello globale

(Rinnovabili.it) – Immagina una città connessa ad un sistema intelligente di gestione del traffico capace di modificare autonomamente il proprio comportamento in base al mutare delle esigenze dei suoi abitanti. Una città completamente digitalizzata dove i visori e le telecamere possono fornire in tempo reale un rapporto sulla sicurezza, sullo stato delle infrastrutture, o sulle condizioni meteorologiche, attivando sistemi di difesa in caso di eventi estremi. Insomma una smart city gestita dai nuovi sistemi di AIoT, Artificial intelligence of things.

Cavalcando l’onda di queste innovazioni digitali, pochi giorni fa due professionisti del settore, PNY Technologie e SmartCow, hanno stretto una partnership per mettere in condivisione le proprie conoscenze.

PNY Technologie, è un fornitore globale di componenti e soluzioni per i mercati dell’IA, dei data center e della visualizzazione professionale. Mentre SmartCow è una società di ingegneria nell’Internet of Things e specializzata nell’Intelligenza Artificiale applicata a dispositivi di analisi video.

L’evoluzione digitale dell’infrastruttura urbana

Ma cosa significa materialmente una partnership di questo tipo? Le smart cities gestite dal sistema congiunto AIoT avranno accesso ad una rete intelligente infrastrutturale semplificata. Ad applicazioni e hardware estremamente potenti, anch’esse collegate ad algoritmi IA che ne aumentano l’efficienza e l’efficacia. Stiamo parlando di rete 5G, edge computing, interconnessioni in tempo reale tra elementi urbani, individui, oggetti fisici e autorità pubblica. Insomma un sistema che possa essere applicato indistintamente in diverse parti del mondo.

Per fare qualche esempio pratico basta vedere le applicazioni già oggi sviluppate da SmartCow. Come la telecamera dotata di AI capace di monitorare il traffico, rilevare anomalie o sensori non funzionanti, in grado di tracciare le traiettorie più efficienti per il trasporto delle merci. La piattaforma CityStation invece è già una soluzione applicata di AIoT. Il suo compito va dal più convenzionale controllo delle condizioni meteorologiche ed atmosferiche, fino al riconoscimento di volti e oggetti per la sicurezza pubblica.

La missione di SmartCow è sviluppare un ecosistema AIoT in continua crescita che semplifichi e migliori la vita e il lavoro di individui e organizzazioni in tutto il mondo“, commenta Ravi Kiran, CEO e fondatore di SmartCow. “La tecnologia può moltiplicare le possibilità e fornire soluzioni a beneficio di tutti. Siamo entusiasti di sviluppare ulteriori progetti di intelligenza artificiale e costruire città più intelligenti per i nostri clienti, insieme al team PNY”.

Uno scenario futuristico non troppo lontano dalla realtà e che, se correttamente utilizzato, può contribuire a risolvere alcuni problemi urbani innescati dal cambiamento climatico. L’obiettivo è infatti quello di mettere le persone nelle condizioni di poter scegliere la strada più utile, sicura ed ecofriendly, per garantirci un futuro più vivibile.

Articolo precedenteClima e opinione pubblica: i media hanno un ruolo rilevante, ma non sono pronti
Articolo successivoBatterie senza litio e cobalto? Alsym Energy scommette sulla sostenibilità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui