Londra, la sede del Financial Times a emissioni zero grazie alla piattaforma IoT di OakTree

Piccoli interventi diversificati di riduzione energetica, ma con un impatto incredibile grazie alla pianificazione intelligente messa in pratica dalla piattaforma della start-up OakTree Power. Cinque anni per raggiungere l’obiettivo “zero energia e zero emissioni” della sede londinese del Financial Times.

Financial Times e OakTree Power
Paternoster Square, London. via depositphotos.com

L’accordo permetterà di gestire al meglio i carichi energetici dell’intero isolato

(Rinnovabili.it) – Grazie alla start-up OakTree Power, la sede storica londinese di Bracken House del Financial Times punta alle emissioni zero. Ma il progetto è ben più ampio e permetterà di coinvolgere nella gestione dell’efficienza, non solo l’edificio del quotidiano, ma l’intera rete elettrica locale di Paternoster Square.

La OakTree Power è una start-up tecnologica dedicata all’implementazione di soluzioni net zero emissioni e energy. L’accordo quinquennale con il Financial Times vuole accelerare il processo di abbattimento delle emissioni della città britannica, partendo proprio dalla sede storica di uno dei più importanti quotidiani locali ed internazionali.

Come raggiungere l’obiettivo Financial Times a emissioni zero

Grazie ad un sistema di gestione dell’edificio automatizzato e basato sull’Internet of Things (IoT), la piattaforma sviluppata da OakTree Power sarà in grado di identificare il consumo di elettricità in tempo reale e modulare in modo intelligente i carichi energetici non necessari. Le riduzioni andranno ad agire sugli impianti e sulle apparecchiature elettriche non critiche come le pompe di calore, i ventilatori, i refrigeratori d’aria condizionata, per un tempo limitato e senza influire sulle prestazioni.

Piccoli cambiamenti che se ben congegnati permetteranno di ridurre del 22% il costo in bolletta di ogni anno di utilizzo della piattaforma. E allo stesso tempo assicureranno il raggiungimento dell’ambizioso obiettivo “Financial Times a emissioni zero”.

Leggi anche Parte da Londra e New York il progetto di C40 per mappare le emissioni basate sui consumi

Il target Net Zero è un obiettivo nazionale che deve essere preso molto sul serio da tutte le organizzazioni britanniche. Siamo lieti di lavorare con un’organizzazione così prestigiosa che ha dimostrato un grande impegno a guidare la transizione su questo fronte, riconoscendo la necessità di cambiare e adattarsi per raggiungere gli obiettivi Net Zero del Regno Unito“, ha commentato Chantel Scheepers, CEO di OakTree Power.

Ci aspettiamo che questo progetto diventi un punto di svolta per OakTree Power e altre aziende con spazi immobiliari per abbracciare l’impegno Net Zero e adottare questa strategia. Se tutti gli edifici di 20.000 piedi quadrati a Londra lo facesse, equivarrebbe a togliere dalla strada 45.000 auto a benzina in termini di riduzione di CO2, tutti dovremmo aiutare il paese ad allontanarsi dalla produzione sporca ad alta intensità di carbonio, indirizzandoci invece verso una produzione rinnovabile e un futuro sostenibile”.

Articolo precedenteGas serra, in Europa il 10% più ricco inquina 6 volte di più del 50% più povero
Articolo successivoCaro energia, garanzie SACE alle compagnie di assicurazione per la dilazione delle bollette fino a 24 mesi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui