Kaznan Smart City: la città russa più tecnologica firmata Cisco

La città diverrà uno hub tecnologico internazionale, sviluppando soluzioni ICT e potenziando l’economica di tutta la Regione

Kaznan Smart City

 

(Rinnovabili.it) – Cisco e la Repubblica del Tatarstan (Federazione Russa) hanno firmato un protocollo d’intesa per sviluppare il masterplan e le soluzioni ICT che caratterizzeranno il nuovo insediamento di Kazan Smart City, la cui costruzione avrà inizio entro 2 settimane.

 

Nel 2009 l’amministrazione della città di Kazan, la capitale della Repubblica del Tatarstan, una delle principali repubbliche della Federazione russa, avviò un progetto di trasformazione dell’area urbana per dar vita alla prima città ad alta tecnologia della regione.

L’accordo siglato tra le Autorità di Kaznan Smart City e la società Cisco permetterà di sviluppare una serie di servizi tecnologici ad hoc, allo scopo di costruire una città intelligente, affidabile e moderna, per stimolare economicamente in tutta la regione.

 

Kaznan Smart City

 

Lo sviluppo di Kaznan Smart City sarà articolato attorno a cinque concetti di progettazione:

  • Eco-urbanistica, per preservare l’ambviente naturale ed assicurare una qualità della vita ottima;
  • Crescita intelligente,  incentivando lo sviluppo del territorio ad uso misto
  • Posizione smart, creando economie locali ben sviluppate ed avviate per garantire la sussistenza delle imprese locali, oltre a favorire l’emergere di nuove economie;
  • Low Carbon, riducendo le emissioni di carbonio dell’intera Kaznan Smart City, a partire dal settore dei trasporti, delle infrastrutture, degli edifici ecc.
  • Inclusione ed Identità, valorizzando le opportunità di lavoro locali ed investendo sull’identità del territorio migliorandone la qualità della vita.

L’intervento di Cisco sarà fondamentale per avviare una serie di innovazioni tecnologiche indispensabili per il corretto sviluppo di Kaznan smart city: dai sensori per la gestione del traffico, fino alle soluzioni per i green building, potenziando il settore ricerca ed investendo nello sviluppo delle tecnologie pulite.

La posa della prima pietra dovrebbe avvenire entro 2 settimane.