Mediterranean smart city, a Palermo si parla di storia ed innovazione

Il 5 e 6 ottobre a Palermo esperti di calibro internazionale si confronteranno nel seminario Mediterranean smart city 2015, per dibattere di tecnologia nei contesti storici.

Mediterranean smart city, a Palermo si parla di storia ed innovazione

 

(Rinnovabili.it) – Il 5 e 6 ottobre professionisti ed esperti che operano nel campo delle città intelligenti si riuniranno a Palermo al “Mediterranean smart city 2015”, il seminario per discutere di innovazione urbana legata a contesti storico culturali complessi come quelli dell’area mediterranea.

La due giorni siciliana è stata organizzata per diffondere i dati del worldwide network WREN/ WREC Med Green Forum Florence 2015 e per stabilire un dibattito produttivo tra i massimi esponenti del mondo universitario, i rappresentanti delle imprese ed i portavoce delle amministrazioni regionali e comunali.

 

Nella cornice del Grand Hotel Piazzaborsa di Palermo si discuterà di smart city e di integrazione delle energia dalle fonti rinnovabili in contesti dall’impareggiabile valore storico e culturale, come i moltissimi borghi sparsi nel nostro territorio. Le sessioni tematiche affronteranno problemi politici, economici e strategici “legati alla declinazione mediterranea della smart city”.

Progettare, costruire e mettere a punto reti tecnologiche per le città intelligenti è più semplice in contesti urbani in via di sviluppo, come le nuove città indiane e cinesi, mentre adeguare tecnologicamente e rendere efficienti centri abitati da migliaia di anni è una sfida che ha bisogno di moltissime competenze diverse alleate.

 

Per questo all’evento prenderanno parte esperti fuori dal panorama italiano come Tom Bosschaert della Except Consulting- Rotterdam, Firas Alawneh del National Energy Research Centre giordano e Ali Saygh, dell’ University of Hertfordshire. L’evento sponsorizzato dal progetto RESET è il meeting regionale per la condivisione nella sfera mediterranea dei dati del convegno mondiale Med Green Forum 2015, per questo l’accento è stato posto sulle competenze internazionali e lo scambio e la condivisione tra esperti di differenti aree geografiche e professionali.

I professionisti italiani e stranieri interessati a prendere parte al seminario Mediterranean smart city potranno registrarsi unicamente tramite la piattaforma online Im@teria imateria.awn.it .

Articolo precedenteA Trento il prototipo per lo storage di idrogeno allo stato solido
Articolo successivoTrivelle, il sì della Sardegna rende possibile il referendum

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui