Smart City Index: Bologna, Milano e Torino le più intelligenti d’Italia

Si confermano le difficoltà delle piccole città e del Sud ad attuare i modelli “smart”. I capoluoghi delle città metropolitane rimangono in testa

Smart City Index: Bologna, Milano e Torino le più intelligenti d’Italia

 

(Rinnovabili.it) – Infrastrutture e reti, sensoristica, elaborazione e valorizzazione dei big data del territorio, applicazioni e servizi: sono questi i quattro strati della smart city, quattro livelli di sviluppo che ne definiscono il grado di “intelligenza”, intesa come ottimizzazione e innovazione dei servizi pubblici. E queste anche le materie su cui Ernst & Young interroga i comuni italiani per testare la loro attitudine allo smartness nel suo Smart City Index.

Il rapporto, presentato oggi a Roma, analizza il grado di innovazione attraverso un censimento delle 116 città capoluogo di provincia, utilizzando una batteria di oltre 450 indicatori. I risultati di questa indagine capillare? Buoni per le città metropolitane del Centro-Nord, meno per i piccoli comuni e le città del Sud.

Bologna, Milano e Torino occupano saldamente il podio, con punteggi eccellenti in tutti e quattro gli “strati”. Rispetto alle scorse edizioni peggiora la situazione di Roma, che si posiziona al nono posto del ranking, seguita da Firenze e Genova. In questo panorama il Mezzogiorno mostra un ritardo strutturale: è solo al 32esimo posto che s’incontra la prima metropoli, Napoli, e al 52° la prima città di medie dimensioni, Lecce. La maglia nera resta in Sicilia con i principali capoluoghi che, come nel 2014, si attestano in fondo della classifica.

 

Le città medie continuano nel loro trend di crescita: si trovano nei posti di rincalzo del ranking, con oltre 23 città tra il 4° ed il 39° posto. Parma sorpassa Trento e nel 2016 diventa la città media più alta nel ranking (5°posto), grazie ad un buon posizionamento negli strati Delivery Platform e Applicazioni e servizi. Comprensibilmente, meno bene va ai piccoli centri: nonostante l’exploit di Mantova, che si posiziona al 4° posto del ranking, nel complesso il posizionamento delle città piccole peggiora rispetto gli scorsi anni. Sono solo 7 le città piccole (Mantova, Lodi, Cremona, Pavia, Sondrio, Siena e Aosta) che ottengono la prima fascia del ranking, e di queste ben cinque sono lombarde.

 

Il ranking 2016 conferma inoltre l’esistenza di una correlazione tra smartness e qualità della vita, mettendo in evidenza due particolari cluster di città: le città del «benessere analogico», cioè ad alta vivibilità ma con bassa diffusione di innovazioni (come Fermo, Lanusei, Tempio Pausania e Olbia) e le città del «riscatto Smart», ossia che, pur partendo da una qualità della vita più bassa, riescono a trovare nel modello smart city un’occasione di innovazione (Napoli, Bari e Lecce).

Articolo precedenteI CETRI Educational Awards lanciano la terza rivoluzione industriale
Articolo successivoCome risparmiare sulle bollette con Energygate

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui