Social housing e riqualificazione urbana: 1mld di euro a 14 città

Parte il nuovo Fondo investimenti per l’abitare del Gruppo Cdp: aiuterà 14 grandi comuni italiani a trasformarsi in smart city, puntando su innovazione ed edilizia sociale

Social housing e riqualificazione urbana: 1mld di euro a 14 città

 

 

 

(Rinnovabili.it) – Una trasformazione urbana che sappia valorizzare il costruito esistente, riqualificandolo attraverso strumenti innovativi e attenzione all’impatto sociale. Questo il percorso che percorreranno 14 grandi città italiane grazie a FIA2, il nuovo Fondo Investimenti per l’Abitare del Gruppo Cassa Depositi e Prestiti. Il CdP ha già stanziato nel progetto 100 milioni di euro, ma l’obiettivo ultimo è portare la capitalizzazione a quota un miliardo attraverso il contributo di investitori istituzionali di livello internazionale. FIA2 rincorre l’ideale della smart city declinandolo, in questo caso, in precise soluzioni di social housing e di riqualificazione urbana.

 

La gestione del fondo è stata affidata alla controllata Cdp Investimenti Sgr che selezionerà i progetti essenzialmente seguendo due direttive: la selezione e riqualificazione degli immobili abbandonati e l’incremento su tutto il territorio dell’offerta di alloggi sociali in locazione a canone calmierato o in vendita a prezzi convenzionati.

Nello specifico, il progetto si propone di individuare edifici urbani abbandonati in quattordici grandi comuni italiani e riconvertirli in residenze in affitto, dotate di servizi di sharing, laboratori per apprendimento di arti e mestieri, centri sportivi polifunzionali a costi accessibili e poli di smart co-working per l’innovazione.

 

“In aggiunta all’opera di riqualificazione – spiega il CdP – il fondo realizzerà una nuova offerta abitativa in locazione diffusa, proponendo nuove soluzioni di qualità affiancate a servizi integrati che possano rispondere alle esigenze di mobilità e ai nuovi stili di vita della collettività”.

 

FIA2 parte facendo leva sul programma di housing sociale, attivo dal 2009, per cui il Gruppo Cassa Depositi e Prestiti ha stanziato tre miliardi di euro finalizzati alla realizzazione di 20.000 appartamenti a canone calmierato e 8.500 posti letto in residenze temporanee.

 

“In coerenza con gli obiettivi indicati dal Piano Industriale 2020, il nuovo fondo contribuirà alla riqualificazione e allo sviluppo di aree strategiche del Paese, in un’ottica di crescita e miglioramento dello stile di vita nelle città”.

Articolo precedenteStrasburgo: fondi pensioni europei, ok al divestment dalle fossili
Articolo successivoRiscaldamento globale, l’Artico si avvicina al punto di non ritorno

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui