Startupbootcamp a Roma con i giovani talenti delle smart city

L’acceleratore di impresa olandese Startupbootcamp ha messo in contatto 8 giovani promettenti con i grandi investitori e gli esperti del campo delle smart city

Startupbootcamp viene a Roma e come tema ha le smart city

 

(Rinnovabili.it) – Si è tenuto lo scorso 8 gennaio, al Link Campus di Roma, la tappa del Pitch Day Tour del progetto Smart City and Living con protagonisti i giovani italiani. Ad organizzare l’evento, Startupbootcamp, uno dei più famosi acceleratori d’impresa d’Europa che dal 2010 supporta le startup tecnologiche e le mette in contatto con partner, investitori ed esperti del settore.

 

Il format olandese dei Pitch Day è uguale per tutte le città che li ospitano. Gli 8 giovani talenti prescelti hanno avuto l’opportunità di esporre la loro idea in 5 minuti. Una volta presentate tutte le startup è iniziato il giro dei feedback dei mentori e ogni progetto d’impresa ha avuto 20 minuti per rispondere one-to-one alle domande poste. L’obiettivo? Fare uno screening delle proposte e permettere ai candidati di avere un contatto e un dialogo immediato con i loro potenziali promotori.

 

Le 8 startup che hanno avuto la possibilità di dialogare con i mentor sono state:

  • Cocontest: piattaforma in cui chiunque può lanciare un bando di progettazione di architettura di interni e valutare il vincitore
  • Push: metodo che studia le dinamiche urbane ed elabora azioni concrete per innescare un cambiamento sistemico
  • My circle: sistema di social e-ticketing
  • Almadom.us: domotica low cost da installare autonomamente senza aiuto di tecnici
  • Nextome: sistema di posizionamento e navigazione indoor basato su un’infrastruttura di dispositivi compatibili con gli smartphone
  • Leylan: infrastruttura API che permette l’accesso eil controllo di dispositivi fisici (luci, termostati…) attraverso il web
  • Yourefresh: filiera alimentare dal campo al frigorifero di casa
  • See-r platform: tecnologia cloud semplificata per permettere a tutti lo sviluppo di dati e la previsione di eventi

 

Lo Startupbootcamp assicura che il 70% delle startup che partecipa ai Pitch Day riesce ad ottenere i finanziamenti necessari per lo sviluppo del progetto; i dati dimostrano l’efficacia di questo metodo informale per collegare i giovani con i grandi investitori e gli esperti che sanno consigliarli e indirizzarli al meglio.

1 commento

  1. bello cocontest: partecipano in 28 e viene pagato 1 (retribuzione pari a 3/4 del prezzo di mercato ed indipendente dal designer che così si deve sorbire gli extracosti come l’aumento di tasse voluto da Renzi)
    hahahahahaha
    questo si che è il futuro dello schiavismo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui