Torino smart city tra tecnologia e sicurezza

Un accordo tra Comune, Politecnico e Siti per fare di Torino smart city il campo per la sperimentazione dei sistemi più avanzati per la sicurezza urbana

Torino smart city tra tecnologia e sicurezza

 

(Rinnovabili.it) – Nei giorni scorsi il Comune di Torino, il PoliTo e SiTI, Istituto Superiore sui Sistemi Territoriali per l’Innovazione (Ente Strumentale della Compagnia di San Paolo) hanno siglato un accordo per garantire la massima sicurezza a livello personale e sociale nel territorio cittadino. Torino smart city sarà un ecosistema cittadino efficiente dal punto di vista energetico, tecnologicamente avanzato per quanto riguarda i servizi al cittadino e sicuro, sia per le persone che per la comunità.

L’iniziativa segna l’inizio di un momento di sperimentazione delle tecnologie per migliorare la sicurezza durante i grandi eventi, negli spazi pubblici, sulle strade e nelle infrastrutture, per fare di Torino smart city un terreno fertile per investimenti, sperimentazioni e collaborazioni con altre metropoli europee, in un’ottica di scambio e condivisione.

 

“Si tratta di un progetto di “sistema integrato” con un carattere fortemente innovativo a livello nazionale – ha dichiarato Marco Gilli, Rettore del Politecnico di Torino – ideato per contribuire allo sviluppo e alla competitività del territorio e del Paese, e certamente questo accordo va nella direzione di creare un polo di riferimento in Italia e in Europa per i temi security & smart city”.

 

I sistemi di sicurezza di Torino smart city

Ricerca accademica, ricerca applicata, conoscenza del territorio e gestione di grandi eventi coopereranno con “una visione trasversale dei problemi”. Di massima importanza è la sicurezza nelle città intelligenti di una delle più importanti ricchezze del nostro paese: aree archeologiche, musei, palazzi storici e beni artistici. Per questo il CSI di Torino sarà il luogo chiave a livello nazionale per la tutela del patrimonio culturale.

Torino diventerà il campo della sperimentazione, trasformandosi nel driver pilota per minimizzare le situazioni in cui si creano allarmi sociali o fenomeni di illegalità, per poi esportare il know-how in tutto il territorio italiano e fare del nostro paese un territorio intelligente e sicuro.

Articolo precedenteSolar Impulse 2: servono 20 milioni di euro per volare ancora
Articolo successivoI sussidi ai combustibili fossili frenano la crescita verde

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui