Il super Yacht ad emissioni zero con fattoria incorporata

L’innovativo yacht a emissioni zero in mostra a Monaco sarà dotato anche di una serra, un orto un sistema di desalinizzazione, lamelle fotovoltaiche e celle a combustibile

emissioni zero
Super yacht ad emissioni zero – Photo credit: 3deluxe per gentile concessione di v2com

L’idea è di trasformare un elemento elitario in una nave scuola dedicata alle possibilità delle emissioni zero

(Rinnovabili.it) – Il primo yacht ad emissioni zero sarà presto realtà. Per il momento è possibile ammirare virtualmente la creazione sullo sfondo del Porto di Monaco tramite la piattaforma SuperWorld AR. A progettare l’esclusivo mezzo sono i designer della 3deluxe da sempre visionari di un futuro green e più sostenibile.

Le sfide del cambiamento climatico stanno costringendo tutti i settori a ripensare radicalmente il proprio modo di operare. Tra questi anche il mondo delle barche di lusso. La scelta di un sistema di produzione che impiega energia rinnovabile, lo sviluppo di sistemi di propulsione più puliti, l’utilizzo di materie prime certificate ed a loro volta prodotte secondo un ciclo a basse emissioni, sono alcuni degli obiettivi del settore.

Nel frattempo il team di 3deluxe si è concesso il lusso di sognare in grande, coniugando una pluriennale esperienza nella progettazione di navi con il grande interesse nella progettazione sostenibile.

Una fattoria sull’oceano

fattoria incorporata
Super yacht ad emissioni zero – Photo credit: 3deluxe per gentile concessione di v2com

Il super yacht promette di essere ad emissioni zero ed accanto alle innovazioni tecnologiche fondamentali per assicurare la massima efficienza, i visionari creatori hanno pensato di portare un parco verde ed una fattoria direttamente dentro la nave. Uno spazio a luce soffusa, simile ad un loft, forma un continuum tra la serra per l’orto e la zona giorno. Il concetto di lusso viene totalmente riscritto. L’ottone ed il vetro acrilico tipico degli interni di queste imbarcazioni di lusso, viene sostituito da un tappeto a verde, dove l’aria condizionata è sostituita all’aria più sana assicurata dal giardino.

Leggi anche I visionari del World Architecture Festival

Il cibo sano viene coltivato direttamente a bordo, mentre il sistema di desalinizzazione assicura la fornitura d’acqua dolce necessaria per tutti gli usi. Come una capsula, la camera da letto è inserita all’interno della serra, liberando però la copertura dagli ostacoli per poter ammirare il cielo notturno.

Super yacht biofilo

L’esterno dello yacht è aerodinamico ed elegante. Una serie di lamelle laterali controllate da sensori, regolano la quantità di luce diurna che penetra all’interno, mentre si chiudono in caso di condizioni meterologiche avverse o durante la navigazione veloce. Alcune di queste lamelle sono dotate di celle fotovoltaiche orientabili per produrre l’energia necessaria per l’illuminazione, il condizionamento ed il sistema di desalinizzazione.

Super yacht ad emissioni zero, la stanza da letto  - Photo credit: 3deluxe per gentile concessione di v2com
Super yacht ad emissioni zero, la stanza da letto – Photo credit: 3deluxe per gentile concessione di v2com

Idealmente il team di 3deluxe immagina che i futuri proprietari del super yacht ad emissioni zero, renderanno la nave disponibile per visite guidate e scopi educativi. L’obiettivo è esattamente quello di eliminare il carattere elitario di questo genere di investimenti privati ed utilizzare il progetto come piattaforma comunicativa.

Combustibile ad idrogeno

Super yacht
Super yacht ad emissioni zero – Photo credit: 3deluxe per gentile concessione di v2com

La tecnologia chiave più attraente per la propulsione a emissioni zero delle navi da crociera e degli yacht attualmente è considerata quella delle celle a combustibile. E in questo caso, fuel cell con membrana a scambio protonico, o PEM (Proton Exchange Membrane) in grado di usare sia l’idrogeno che il metanolo. Con un pieno di alcol l’imbarcazione potrebbe percorrere a bassa velocità una distanza di 1000 miglia nautiche.

Leggi anche Ammoniaca verde e bioetanolo, nuovi accordi per NextChem

Per essere davvero a zero emissioni, non si può non tenere conto del processo di costruzione dello yacht. Alcuni produttori di acciaio ed alluminio in Norvegia ed in Germania, si stanno già adeguando a questo differente modo di pensare, facendo attenzione a ridurre le emissioni di CO” impiegando molta più energia rinnovabile e sfruttando al massimo i processi di riciclaggio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui