Tokyo, una cascata di gradini per il campus di Kengo Kuma

Un tetto a gradini e vasche a verde, nascondono il nuovo campus di Kengo Kuma per il Tokyo Tech, dimostrando l’essenziale importanza di rispettare il contesto

kengo kuma
credits: kkaa kengo kuma

Il progetto dell’architetto Kengo Kuma è statp ultimato pochi mesi fa

(Rinnovabili.it) – Sono già trascorsi alcuni mesi dalla sua apertura ufficiale eppure il nuovo campus del Tokyo Institute of Technology di Kengo Kuma, continua ad affascinare. Progettato dall’architetto che meglio di altri ha saputo portare la natura e la biofilia all’interno dell’architettura, l’Hisao & Hiroko Taki Plaza, questo il nome del campus, porta innovazione stilistica, ma con grande rispetto all’interno del campus.

Rispettare il contesto

I servizi da incorporare nell’edificio erano molti, dai laboratori, agli uffici, fino alle sale conferenze, eppure nonostante gli oltre 4.800 mq, ciò che si vede all’esterno è solo una parte dell’edificio. Durante la progettazione infatti, l’architetto Kuma ha scelto di sviluppare l’edificio nel sottosuolo evitando così di offuscare la vista dello storico orologio del campus.

Leggi anche Architettura biofilica: l’ufficio del futuro firmato Kengo Kuma

Ciò che i visitatori si trovano di fronte è un interessante e particolarissimo edificio a gradoni, quasi a ricordare le curve isometriche stilizzate del terreno. Ciascun terrazzamento ospita un lussureggiante giardino a beneficio di tutti. La scalinata che ricopre la facciata si presta perfettamente ad accogliere gli studenti nei momenti di relax, portando la natura nell’edificio stesso.

credits: kkaa kengo kuma
credits: kkaa kengo kuma

Ma al pari di un iceberg, ecco che il fascino del nuovo Campus si svela anche nella parte sotto il livello del suolo.

Grazie alle ampie vetrate sapientemente disposte, gli ambienti sono estremamente luminosi nonostante la collocazione interrata. Colori neutri e materiali naturali ricordano tutto il minimalismo dello stile di Kuma, connettendo interno ed esterno alla perfezione.

Articolo precedenteQuanto ci costa un riscaldamento globale di 2°C?
Articolo successivoInquinamento da plastica, per una “emergenza planetaria” serve una risposta globale

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui