A Francoforte sorgerà uno degli edifici più sostenibili della Germania, parola di UNStudio

Si chiama NION, l’edificio per uffici progettato da UNStudio che non scende a compromessi, ma porta la sostenibilità ad un nuovo livello

unstudio
NION – credits: UNStudio CGI visualisations: MOARE

Il progetto di UNStudio sorgerà nel quartiere ibrido di Europaviertel

(Rinnovabili.it) – Si chiama NION ed è la promessa super green di UNStudio per la città di Francoforte. Situato a Europaviertel, uno dei quartieri ibridi in pieno sviluppo della città sul Meno, l’edificio ad uso uffici si impegnerà a diventare uno dei più sostenibili della Paese.

A selezionare UnStudio è la Groß & Partner, forte della collaborazione che vede i due team impegnati nella costruzione di un altro dei centri urbani più importanti di Francoforte con il progetto FOUR.

NION sfrutterà le tecnologie più efficienti per abbattere i consumi, inserendole all’interno di un design architettonico all’avanguardia e incorporando obiettivi ESG. In questo modo il beneficio non sarà solo ambientale, ma anche sociale per la comunità del quartiere.

Sostenibilità senza compromessi

Punto fermo del progetto di UNStudio per Francoforte sarà il verde. Un inverdimento intensivo incorporata ad una struttura portante che presta grande attenzione ai materiali impiegati, per ridurre le emissioni di carbonio. Grazie ai componenti modulari e prefabbricati, la costruzione sarà adattabile nel tempo e flessibile. Inoltre buona parte dei componenti impiegati sarà riciclabile all’interno di un percorso di economia circolare.

Leggi anche Echo, l’edificio universitario generatore di energia per il futuro

Il concept di sostenibilità di NION risponde alle condizioni meteorologiche del sito per mantenere sotto controllo il fabbisogno complessivo, evitando sprechi inutili. Una facciata fotovoltaica, un sistema di gestione delle acque piovane, riscaldamento e raffrescamento geotermico, gestione intelligente dell’edificio, climatizzazione calibrata sulla domanda, illuminazione LED, ascensori a recupero energetico, stazioni di ricarica con gestione smart del carico e ambienti di lavoro verdi ed aperti, saranno le componenti che renderanno unico il progetto.

Parte integrante del corridoio verde urbano Europe-Allee

Il sito vuol essere un veicolo per il verde e la biodiversità. Per questo la componente vegetale non sarà solo estetica, ma avrà un ruolo essenziale nell’ecologia del progetto. NION sarà strutturato secondo due volumi intersecati, i cui angoli opposti saranno “tagliati” per lasciare spazio al verde pensile verticale.

Interno ed esterno si fondono grazie alla continuità della vegetazione, che migliora il microclima interno e il benessere psicofisico dei suoi occupanti.

Articolo precedenteIl giusto costo sociale della CO2? Almeno 185 dollari la tonnellata
Articolo successivoDopo il carbone, l’atomo: Berlino terrà accese due centrali nucleari

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui