COMSOL Day, le potenzialità della simulazione numerica nel settore delle rinnovabili

Si terrà il 9 novembre 2021, il “COMSOL Day: Renewable Energy”, una giornata di confronto e incontro on line dedicata al ruolo della modellazione multifisica nella progettazione delle tecnologie energetiche verdi

COMSOL Day
La corrosione galvanica spesso viene sfruttata intenzionalmente per la protezione catodica degli anodi sacrificali: è il caso dei pilastri utilizzati per sostenere le turbine eoliche offshore. Per limitare la corrosione di queste strutture, i tecnici possono utilizzare la modellazione numerica per comprendere e analizzare le prestazioni e la durata dei sistemi di protezione catodica.

(Rinnovabili.it) – È partito il conto alla rovescia per il “COMSOL Day: Renewable Energy”, nuovo appuntamento digitale organizzato da COMSOL e dedicato al ruolo della simulazione numerica nel settore delle energie rinnovabili. L’evento fa parte del ricco programma 2021 di presentazioni tecniche, keynote e tavole rotonde con cui la società, sviluppatrice mondiale di software per la modellazione numerica, fa conoscere le potenzialità di questo strumento in un’ampia gamma di aree applicative. All’appello non potevano mancare le tecnologie della transizione energetica a cui oggi è affidata la grande sfida della decarbonizzazione globale. 

I nuovi impegni europei e mondiali per contrastare il climate change, chiedono una nuova accelerazione al mercato delle energie rinnovabili. Per il settore significa non solo aumentare la diffusione degli impianti di produzione elettrica ma anche migliorare le tecnologie esistenti. Una doppia sfida che richiede una attenta preparazione tecnica e la capacità di individuare i problemi ancora prima che si presentino. 

È in questo contesto che si inserisce la simulazione multifisica, strumento d’analisi in grado di simulare non solo i singoli fenomeni elettrici, meccanici, termici o chimici, ma anche i reciproci effetti della loro interazione. Con l’obiettivo di prevedere o convalidare il risultato del mondo reale. 

Perché si tratta di un elemento essenziale per il settore delle rinnovabili? Perché permette ai progettisti di valutare le performance di tecnologie o processi prima della fase prototipale, aiutando a scegliere la soluzione più efficace. In altre parole l’approccio garantisce prodotti affidabili e competitivi modellando fenomeni fisici che altrimenti potrebbero essere analizzati solo attraverso costose e complesse prototipazioni. Uno strumento fondamentale per la progettazione di elementi come nuovi generatori elettrici, sistemi di riscaldamento, supercondensatori, batterie e persino cavi sottomarini. 

Per approfondire l’incontro tra tecnologie della transizione energetica e simulazione numerica, COMSOL ha organizzato per il 9 novembre 2021 il COMSOL Day: Renewable Energy. L’appuntamento, rigorosamente digitale, offrirà una giornata di approfondimento sul tema a partire dalle esperienze della stessa azienda. La società è oggi tra i leader mondiali nello sviluppo di software di modellazione matematica e il suo prodotto di punta, COMSOL Multiphysics®, rappresenta attualmente la piattaforma di simulazione più avanzata del settore.

Il software permette anche di trasformare i modelli creati in app di simulazione personalizzate da mettere a disposizione anche di persone esterne al reparto Ricerca e Sviluppo. Non solo. L’utilizzo di COMSOL Multiphysics® può essere ampliato combinando moduli aggiuntivi, per effettuare simulazioni nell’ambito dell’elettromagnetismo, dell’acustica, della meccanica strutturale, della fluidodinamica, dello scambio di calore e persino dell’ingegneria chimica.

Questa flessibilità unita all’alto grado di innovazione permettono al software di soddisfare diverse necessità del settore “clean-tech”. C’è chi come Physixfactor ha utilizzato questa piattaforma per adattare una turbina eolica Darrieus all’uso in acqua realizzando un prodotto che non danneggiasse la fauna ittica. O chi come Hellenic Cables ha impiegato la modellazione per analizzare e convalidare progetti di cavi elettrici sottomarini per parchi eolici offshore. O ancora chi come Viega, durante la progettazione di sistemi di riscaldamento e raffrescamento radiante, ha creato app di simulazione personalizzate per condividere i risultati della modellazione a elementi finiti con i propri clienti.

Le potenzialità sono davvero innumerevoli. La giornata approfondirà il ruolo di tali strumenti attraverso gli interventi dei tecnici dello staff COMSOL e di invited speaker esperti del settore. 

Nel dettaglio, il COMSOL Day: Renewable Energy prevede sessioni dedicate ad argomenti specifici come simulazione di celle a combustibile, analisi vibroacustiche, gestione termica di dispositivi e sistemi, analisi strutturali e fluidodinamiche, modellazione della radiazione solare e molto altro. L’evento ospiterà anche una tavola rotonda in cui esperti provenienti da diversi paesi potranno confrontarsi sugli sviluppi futuri della simulazione nel settore delle energie verdi.

 Durante la giornata interverranno:

  • Mark-Paul Buckingham, Xi Engineering Consultants – UK
  • Sonya Calnan, Helmholtz Zentrum Berlin (HZB) – DE
  • Edmund Dickinson, National Physical Laboratory (NPL) – UK
  • Michal Kruszewski, Fraunhofer Research Institution for Energy Infrastructures and Geothermal Systems IEG – DE
  • Andrea Mannelli, Spike Renewables – IT
  • Paolo Taddei, Spike Renewables – IT
  • Giuseppe Petrone, BE CAE & Test – IT

Per il programma completo e la registrazione https://www.comsol.it/c/cjl9

1 commento

  1. Proprio da questi calcoli si è detto che un parco eolico off-shore verticale può rendere di più di uno asse orizzontale . Risparmiando di trasporto , montaggio, manutenzione e tempi di fermo. Sempre nell’ eolico off-shore nessuno può prevedere dove soffierà più vento nell’ arco di 20/25 anni , quindi la tecnologia galleggiante è ancora più importante , senza quelle non ci sarà mai la transizione energetica con le tecnologie attuali

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui