Energy storage: fili al posto delle batterie nelle e-car di domani

Grazie alla nanotecnologia, un team di ricercatori statunitensi è riuscito a creare un dispositivo di energy storage costituito da un unico filo di rame

Energy storage: fili al posto delle batterie nelle e-car di domani

 

(Rinnovabili.it) – Immaginate di essere in grado di portare tutta l’energia di cui avete bisogno per alimentare il lettore MP3, lo smartphone o addirittura  l’auto elettrica nel tessuto dei vostri vestiti. Sembra fantascienza, ma può diventare una realtà grazie alla rivoluzionaria tecnologia sviluppata nei laboratori dell’University of Central Florida. Qui il professore Jayan Thomas e il suo studente Zenan Yu, affidandosi alla nanotecnologia, sono riusciti a creare un dispositivo di energy storage costituito da un unico filo di rame.

 

L’ANATOMIA DELLA RIVOLUZIONE Il team ha rivestito il con una speciale guaina composta da nanowhisker, minuscole estroflessioni filiformi fatte crescere spontaneamente sulla superficie del rame. Questi filamenti sono stati quindi trattati con una lega speciale che ha creato un elettrodo.  Un secondo elettrodo è stato prodotto rivestendo il filo con un sottile foglio di plastica e quindi avvolgendolo con una guaina metallica sulla cui superficie interna erano stati fatti crescere altri nanowhiskers. Gli strati sono stati poi incollati con un gel speciale. 

 

Energy storage: fili al posto delle batterie nelle e-car di domani

 

A causa dell’isolamento della plastica, il filo di rame interno mantiene la capacità di incanalare l’elettricità, mentre gli altri due strati sono in grado di stoccare energia. In altre parole, Thomas e la sua squadra hanno creato un supercondensatore sulla parte esterna del filo di rame, potente come quello necessario per avviare un veicolo o attrezzature edili pesanti. In realtà il filo di rame è solo il punto di partenza: i ricercatori hanno spiegato che migliorando la tecnologia si potranno in futuro ottenere speciali fibre da integrare nella progettazione di veicoli elettrici, veicoli spaziali di lancio o dispositivi elettronici portatili, lasciando le ingombranti  di oggi un ricordo del passato.