Green building e domotica: l’antifurto smart

Come si combinano green building e domotica? Scopri come un antifurto smart migliora la sicurezza degli edifici e la vita delle persone

antifurto smart
via depositphotos.com

Articolo pubbliredazionale

Il concetto di edilizia green ci riporta subito alla mente i materiali innovativi e l’efficienza energetica. In questo articolo però parliamo di tecnologia ed in particolare di antifurto domotica. Scopriremo infatti che la domotica rientra a pieno titolo nelle tecnologie che caratterizzano l’edilizia ecosostenibile. Vedremo come si combinano green building e domotica in un antifurto smart volto a migliorare performance, sostenibilità e sicurezza degli edifici.

L’ecosostenibilità si è ritagliata una posizione sempre più prioritaria in molti settori di business e rappresenta un importante incentivo all’innovazione per molte imprese. Il green building ne è un esempio. Si definisce Green Building un edificio progettato per essere performante e sostenibile. Gli edifici verdi sono pensati per inquinare meno, ma anche per garantire una qualità della vita superiore per i loro abitanti. Non solo materiali ecologici quindi, ma anche tecnologia al servizio delle persone e dell’ambiente. Ed è proprio qui che green building e domotica si incontrano. 

La domotica non solo migliora la vita delle persone ma rende più efficienti i consumi e gli edifici in termini di sicurezza. Prendiamo l’esempio di un antifurto. In cosa consiste un antifurto smart che sfrutta le domotica e che vantaggi porta alle persone?

Il primo aspetto che rende un antifurto smart – e quindi domotico – è la capacità di connettersi in rete tramite il Wifi. Si tratta di allarmi completamente Wireless, ovvero senza fili. I vantaggi degli allarmi wireless sono molti, tra cui il risparmio di costi, tempi e facilità di installazione, perché nessuna opera muraria è richiesta. 

L’antifurto Verisure rappresenta un esempio moderno di antifurto wireless. L’azienda leader in Italia e Europa nel settore degli allarmi domestici, offre ai suoi clienti un sistema di sicurezza domotico e monitorato h24 da Centrale Operativa.

In questo tipo di antifurto tutti gli elementi dell’impianto comunicano wireless con la Centralina o Pannello di Controllo. Quest’ultimo riceve i segnali inviati dai sensori di movimento, dalle telecamere, dai sensori di porte e finestre e li processa. In caso di pericolo la centralina non si limita a far scattare una sirena, ma allerta il proprietario e la Centrale Operativa, pronta ad intervenire h24. 

Tornando ai tratti distintivi degli allarmi smart, la caratteristica principale è senza dubbio la possibilità di controllare la propria casa o attività da remoto, in tempo reale e in qualsiasi momento. Questo perché l’antifurto domotico è connesso ad un’App – come l’app my Verisure Italia – scaricabile su smartphone e tablet. Dall’app è possibile attivare e disattivare l’impianto, autorizzare e visionare chi accede in casa, vedere le immagini delle telecamere, ricevere notifiche, inviare un SOS e molto altro ancora. 

Abbiamo citato prima la Centrale Operativa. In effetti, i migliori antifurti smart sono quelli monitorati. Si caratterizzano per la connessione costante alla Centrale Operativa, presidiata da Guardie Giurate pronte ad intervenire in ogni caso di pericolo accertato. Un impianto di questo tipo non è solo tecnologicamente avanzato, ma garantisce un intervento costante a tutela dei beni e soprattutto delle persone. E non parliamo solo di tutela contro i ladri, ma anche di sicurezza delle persone più fragili come anziani e bambini.

L’esempio principale di un antifurto domotico e monitorato è Verisure. In ogni caso di scatto d’allarme o SOS dei clienti, le Guardie Giurate della Centrale Operativa Verisure rispondono entro 60”. Verificano l’accaduto con immagini e audio, scartano i falsi allarmi e intervengono in caso di reale pericolo. Se l’intrusione o il pericolo è confermato, la Centrale Operativa allerta le Forze dell’Ordine o altri servizi d’emergenza, invia Guardie Giurate territoriali in loco e, nell’attesa del loro arrivo, attiva il fumogeno ZeroVision che blocca il furto in 45 secondi. Sul sito di Verisure è possibile calcolare un preventivo gratuito autonomamente e richiedere un sopralluogo senza impegno da parte di un esperto di sicurezza.

Per concludere, green building e domotica sono accomunate dalle tecnologie volte a migliorare la vita delle persone e le performance degli edifici. Per garantire comodità, efficienza e sicurezza di chi abita gli edifici green non può quindi mancare un antifurto smart! 

Articolo precedenteCessione del credito, si ma una sola volta: la sorpresa del Decreto Sostegni Ter
Articolo successivo“Da chicco a chicco”, l’economia circolare di impatto sociale

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui