Innovazioni per l’energia pulita, quando l’Europa straccia Cina e Stati Uniti

Il Global energy innovation index del think tank Itif misura il volume di investimenti ma anche altri 20 indicatori chiave. Il vecchio continente continua a dettare il ritmo a livello globale, con Finlandia, Danimarca, Svezia e Regno Unito in testa. L’Italia è solo 19°.

innovazioni per l'energia pulita
Foto di Oimheidi da Pixabay

Pechino è solo 25° nella classifica delle innovazioni per l’energia pulita

(Rinnovabili.it) – Da qualche anno la Cina surclassa Europa e Stati Uniti nella corsa alle rinnovabili per capacità installata. Nel 2020, Pechino ha messo online oltre 70 GW di eolico, più di quanto era riuscito a fare nel 2019 tutto il resto del mondo messo insieme. Anche il solare procede a ritmi serrati, con quasi 50 nuovi GW di capacità installata nel 2020. Ma questi dati raccontano solo una parte della storia. Il boom delle fer è fatto anche – anzi, soprattutto – di innovazioni per l’energia pulita. E in questo campo, il leader globale resta l’Europa.

Lo spiega il rapporto 2021 Global Energy Innovation Index di Itif (Information Technology & Innovation Foundation), think tank che tra le altre cose monitora il ritmo globale delle innovazioni per l’energia pulita. Lo fa attraverso un indice che mette insieme i volumi di investimenti messi in campo da ciascun paese e altri 20 indicatori, aggregati in 10 categorie funzionali e 3 sottoindici, che misurano lo stato di salute del mercato, fattori sociali, la circolazione delle conoscenze.

Leggi anche Rinnovabili: nel 2020 la Cina raddoppia la capacità installata

Il dato che forse può sorprendere di più è che la classifica finale dei paesi sulle innovazioni tecnologiche per l’energia pulita è molto simile a quella del 2016: a riprova che l’innovazione ha bisogno di un intero ecosistema di supporto, non bastano soltanto le risorse economiche.

In cima alla lista troviamo i “pacesetter”, i paesi che dettano il ritmo nel campo delle innovazioni tecnologiche. Sono tutti europei (e del Nord): Finlandia, Danimarca, Svezia e Regno Unito. Più distanziati troviamo altri paesi del vecchio continente come Svizzera, Belgio, Paesi Bassi, Germania, e poi ancora Canada (primo Stato non europeo della classifica, al 9° posto), Francia e Norvegia. Ancora dietro, in un terzo cluster, la classifica vede Giappone, Austria, Corea del Sud, Australia, Repubblica Ceca e Stati Uniti. L’Italia è 19°, subito dietro Stati Uniti e Portogallo. E la Cina? Ancora più indietro, al posto numero 25, battuta da Lituania, Irlanda e Spagna.

Leggi anche La corsa pazza delle rinnovabili è la ‘nuova normalità’

In cosa eccellono i primi della classe? La Danimarca guida il sottoindice Sviluppo e diffusione della conoscenza, mentre la Finlandia è al primo posto per la sperimentazione imprenditoriale e la formazione del mercato e il Regno Unito segna il passo per la legittimazione sociale e la collaborazione internazionale. Giappone, Corea del Sud e Cina contribuiscono maggiormente attraverso lo sviluppo e la diffusione della conoscenza rispetto ad altre funzioni del sistema di innovazioni tecnologiche. Gli Stati Uniti vanno bene nella categoria dell’ecosistema imprenditoriale per i suoi contributi alla legittimazione sociale. (lm)

Articolo precedenteAdesso gli USA fanno sul serio sull’inquinamento da PFAS
Articolo successivoInvestimenti rinnovabili, Italia 13esima nel mondo per attrattività

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui