Premio Innovazione Amica dell’Ambiente, ecco i 7 vincitori 2015

Case in legno da 20 piani, un App contro lo spreco degli alimenti e illuminazione pubblica smart: questi alcuni dei progetti premiati da Legamabiente

premioinnovazione1

 

(Rinnovabili.it) – Efficienza energetica, difesa del suolo, energia solare, illuminazione, abitazioni sostenibili, riduzione degli sprechi,pulizia nelle città e nei territori. Questi i campi in cui l’innovazione può aiutarci e realizzare un futuro migliore. E questi anche i campi i cui sono stati selezionati i sette vincitori del Premio innovazione Amica dell’Ambiente, il bando nazionale indetto annualmente da Legambiente. Il riconoscimento, giunto ormai alla sua quattordicesima edizione, è assegnato alle a quelle innovazioni appena realizzate o alla soglia della commercializzazione in grado di migliorare l’ambiente, la qualità della vita dei cittadini, dei lavoratori o delle comunità locali.

 

Le 7 innovazioni, selezionate tra ben 30 le candidature, saranno presentate e premiate il lunedì 13 a Milano e riceveranno il diritto all’uso del logo “Innovazione Amica dell’Ambiente”, la lampadina dalla foglia verde affiancata al Cigno di Legambiente, sulla comunicazione legata all’innovazione premiata, per la durata di un anno. “Molte innovazioni che presentiamo e che stanno cambiando il mondo, non rappresentano più solo aspetti di mitigazione dell’impatto ambientale o la riduzione di sprechi o rifiuti – spiega Legambiente. – Spesso invertono la tendenza, migliorano ambiente e relazioni sociali, si presentano come una alternativa ai combustibili fossili, al consumo di suolo, al degrado nelle città inquinate. Nei governi locali, nelle società di molti paesi, i cittadini e le imprese intelligenti stanno modificando, con idee azioni progetti e con l’aiuto della tecnologia, alcuni parametri di un sistema economico che a molti ha mostrato il volto duro della povertà e della disuguaglianza.”

 

Premiati

Albasolar srl Divisione Albasystem

ASPEC è un sistema di gestione dell’energia in impianti industriali capace di massimizzare il ricorso alle rinnovabili, gestire e stoccare sia la componente termica che quella elettrica, in modo da ridurre le emissioni di CO2 nei cicli produttivi anche del 30%.

 

 

Comune di Roncade

Progetto pilota di illuminazione pubblica, nato dalla collaborazione con Enea (progetto Lumière), preceduto da censimento, piano luce e audit energetico, gara con programma di investimento con il risparmio energetico per conto terzi: dimezzamento della CO2 emessa, sistemi di controllo in continuo, luce adattiva e servizi smart.

 

 

Energyka Electrosystem

Prometea è un nuovo modulo fotovoltaico flessibile e piegabile, senza cadmio e altri metalli pesanti (risponde volontariamente alla direttiva RoHS): nato dalla ricerca italiana, verrà prodotto sia in Italia che dalla taiwanese Hulket, promette prezzi bassi e decrescenti (sia dei moduli, che di installazione) e rendimenti superiori alla media.

 

 

La Ducale spa

HABITARIA PAULLO è, insieme al grattacielo “Bosco verticale” di Milano, il primo edificio residenziale certificato LEED Oro in Italia: 13 negozi e 79 appartamenti su area bonificata, vicino al centro cittadino. Classe energetica A, alto punteggio Leed per non consumo suolo, recupero acqua piovana, solare e inserimento nel contesto urbano.

 

 

LMSC srl

Last Minute Sotto Casa è un’App, un nuovo social network, utile a tutti per non buttare il cibo che avanza nei negozi e nel quartiere: chi si iscrive, riceve le offerte dell’ultimo minuto dai negozi di vicinato, i prodotti in scadenza, la verdura ancora fresca, con gli sconti dell’ultima ora.

 

 

Rothoblaas gmbh

Sistema di connessione X-RAD per edifici in legno realizzati con pannelli cross-lam (pavimenti e pareti). La altoatesina Rothoblaas è specializzata nella carpenteria per costruzioni di legno e lavora con imprese di costruzione in tutto il mondo: il giunto consente edifici in legno sino a 20 piani, antisismici, alte prestazioni energetiche.

 

 

Siemens spa

Savona Smart Polygeneration Microgrid, nata nel Campus universitario, è una microrete energetica intelligente, governata da un’intelligenza centrale che collega diversi impianti di generazione di energia, anche rinnovabili locali.Rappresenta un vero e proprio laboratorio per sperimentare la smart city, in futuro replicabile su più ampia scala.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui