Prese elettriche intelligenti, la nuova promessa dell’IoT

Una rete di prese elettriche intelligenti controllate da un computer centrale, che ottimizza l’uso di energia domestica. Il team che lo ha creato arriva dall’Università nazionale di Singapore

prese elettriche intelligenti
Credits: NUS

Prese elettriche intelligenti per una domotica più semplice

(Rinnovabili.it) – L’Internet delle cose (IoT) si sta timidamente affacciando in uffici e abitazioni. Luci, sistemi di sorveglianza, assistenti vocali ed elettrodomestici fanno oggi parte dei primi “oggetti connessi” nel percorso verso la complessa smart home del futuro. Ognuno di questi componenti, tuttavia, per funzionare in maniera intelligente deve necessariamente incorporare elettronica specializzata per l’IoT. Un approccio “inefficiente”, secondo i ricercatori dell’Università Nazionale di Singapore (NUS). “La tendenza attuale è quella di inserire un’unità di calcolo in ogni nuovo apparecchio. [Scelta] che genera molti rifiuti elettronici e fa aumentare i costi, quindi lo stiamo evitando”, ha affermato il dottor Krishnanand Kaippilly Radhakrishnan dell’NSU

Ecco perché l’ingegnere Krishnanand e il professor Sanjib Kumar Panda hanno deciso di mettere a punto un approccio più semplice. Nasce così il sistema SEOS (Smart Electrical Outlet / Socket), rete di mascherine che monitora e controlla ogni presa in un edificio in tempo reale. Le unità possiedono un chip che comunica con il server centrale tramite WiFi. Quando un elettrodomestico è collegato alla presa tramite il SEOS, questo lo riconosce tramite un adesivo elettronico sulla spina, noto nel settore come Near Field Communication. 

Leggi anche Dispositivi IoT: nuove celle solari per aumentarne l’efficienza

Nel dettaglio, quando una spina viene inserita in una delle prese elettriche intelligenti, un lettore NFC presente nella mascherina identifica l’apparecchio. Il server cerca quindi le specifiche di quel dispositivo in un database. L’invenzione non mira solo ad accedere e spegnere apparecchi da remoto. Gli operatori di una rete abilitata SEOS possono monitorare e quantificare la quantità di elettricità consumata dai vari dispositivi, e quindi configurare il sistema per fornire energia solo quando necessario.

Inoltre SEOS può essere programmato per spegnere completamente gli apparecchi quando non sono in uso, piuttosto che sprecare elettricità lasciandoli inattivi o in standby. E può anche prevenire gli incendi elettrici spegnendo preventivamente un apparecchio nel caso assorbisse più corrente del suo valore nominale. “Il sistema può essenzialmente personalizzare il livello di sicurezza per l’apparecchio in uso”, ha spiegato il Prof Panda. “Le prese elettriche intelligenti consentiranno a chiunque di controllare in remoto le prestazioni dei dispositivi e di controllarli”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui