ABB lancia un sistema di gestione dell’energia per l’idrogeno verde

ABB Ability™ OPTIMAX® aiuterà le aziende produttrici di idrogeno a ridurre i costi dell’elettricità fino al 20%

abb

ABB introduce il suo sistema di gestione dell’energia, ABB Ability™ OPTIMAX®, anche per il mercato dell’idrogeno verde. ABB Ability™ OPTIMAX® permette alle aziende di ridurre i costi di produzione grazie a una visibilità in tempo reale dei consumi energetici di tutte le componenti d’impianto.

L’idrogeno verde prodotto tramite elettrolisi – un processo che utilizza elettricità proveniente da fonti rinnovabili per scindere l’acqua in idrogeno e ossigeno – è ampiamente considerato un importante vettore energetico per raggiungere un futuro a basse emissioni di carbonio. Tuttavia, pone sfide significative a causa degli alti costi di produzione e dei processi ad alta intensità energetica.

Secondo il Green Hydrogen Catapult, un’iniziativa globale composta da aziende leader nel settore dell’energia, per aumentare la capacità di produzione fino a 50 volte il necessario, il costo di produzione dell’idrogeno verde deve scendere del 50% a meno di 2 dollari/kg entro il 2026.

leggi anche Un “bisturi luminoso” per produrre idrogeno facilmente

ABB Ability™ OPTIMAX® contribuisce a questo obiettivo supportando ogni aspetto del ciclo di vita di un impianto di produzione di idrogeno, dalla simulazione nelle fasi di progettazione e ingegnerizzazione alla visualizzazione e al monitoraggio in tempo reale quando è in funzione. Il software misura i flussi di energia bidirezionali e le emissioni di anidride carbonica, fornendo dati contestuali che gli operatori possono utilizzare per determinare i livelli ottimali di consumo energetico necessari per sostenere i processi dell’impianto e ridurre al minimo gli sprechi. 

La trasparenza offerta dalla soluzione può essere applicata anche per aumentare l’efficienza e la sicurezza di ciascun modulo elettrolizzatore in funzione all’interno dell’impianto, regolando l’operatività di ciascun modulo e garantendo che venga utilizzato solo quando necessario.

La scalabilità verso l’alto della produzione di idrogeno verde richiede un significativo investimento di capitale e alti costi di gestione“, ha dichiarato Sleman SalibaGlobal Product Manager Energy Management di ABB Process Automation. “Quasi il 70% dei costi di gestione totali per il funzionamento di un impianto di idrogeno deriva dall’elettricità necessaria per scindere la molecola d’acqua nel processo di elettrolisi. Con OPTIMAX®, a fronte di un investimento tecnologico compreso tra l’1 e il 3%, gli operatori possono gestire i loro processi industriali nel modo più efficiente dal punto di vista energetico e ottenere una riduzione fino al 20% dei costi relativi alla spesa energetica“.

Grazie all’integrazione della pianificazione infra-giornaliera, OPTIMAX può essere utilizzato anche per programmare in modo competitivo il commercio con la rete, sviluppando così un sistema energetico circolare che si basa sulle previsioni della disponibilità di energia rinnovabile rispetto alla domanda, tenendo in considerazione anche i prezzi di mercato dell’elettricità.

leggi anche Solhyd Project, il pannello fotovoltaico domestico che produce idrogeno

La soluzione può essere utilizzata anche per ottimizzare l’integrazione dell’idrogeno verde con le reti di idrogeno esistenti e con qualsiasi infrastruttura futura che verrà sviluppata.

Articolo precedenteRemissione in bonis, ultimo giorno per presentare in ritardo la comunicazione della cessione del credito
Articolo successivoAcqua, dall’Onu il 1° rapporto sullo stato delle risorse idriche globali

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui