AlgoWatt: deliberato il rilancio di TerniEnergia Progetti per il business EPC rinnovabili

Attraverso l’attività della controllata, il Gruppo intende cogliere le opportunità legate alla riduzione della dipendenza energetica dall’estero, alla decabonizzazione e transizione energetica, alla crescita dell’autoconsumo e al business delle Comunità Energetiche

fotovoltaico in perovskite
via depositphotos.com

Il Consiglio di Amministrazione di algoWatt S.p.A., GreenTech Solutions Company quotata sul mercato Euronext Milan di Borsa Italiana, riunitosi in data odierna con la presidenza di Stefano Neri, ha deliberato di rilanciare l’attività della newco TerniEnergia Progetti Srl, nella quale erano confluiti asset della ex TerniEnergia rappresentati da dipendenti altamente professionalizzati, proprietà intellettuale e certificazioni, ufficio tecnico, attrezzature e software relativi alle attività espletate nel settore fotovoltaico in Italia e all’estero.

La società (costituita nel 2018 per la valorizzazione di attività considerate non più strategiche nell’ambito del Piano di rilancio di TerniEnergia, precedente alla fusione per incorporazione con Softeco Sismat e al cambio di denominazione sociale in algoWatt e ai vigenti Piano di Risanamento e Accordo Finanziario) sarà utilizzata dal Gruppo come General Contractor e come veicolo funzionale alle attività di campo e di EPC, dalla progettazione iniziale, alla realizzazione, alla gestione delle pratiche burocratiche fino al collaudo e messa in funzione degli impianti e alla manutenzione, nei settori delle energie rinnovabili, dell’efficienza energetica, della riqualificazione energetica degli edifici (Superbonus e Ecobonus) e degli stabilimenti industriali e dell’impiantistica smart e digitale per il monitoraggio e il telecontrollo di impianti di produzione, distribuzione e gestione energetica.

Attraverso l’obiettivo strategico di rilancio della controllata TerniEnergia Progetti Srl, il Gruppo algoWatt intende cogliere tempestivamente le opportunità offerte dalla decarbonizzazione e dalla transizione energetica, dalle nuove sfide poste dalla riduzione della dipendenza energetica dall’estero, dallo sviluppo del mercato prosumer (consumo sul posto) per la riduzione del costo di approvvigionamento elettrico e dalla potenziale crescita delle comunità energetiche rinnovabili e dell’autoconsumo collettivo, nonché dall’integrazione di impianti rinnovabili e tecnologie digitali per l’efficienza energetica, la massimizzazione della power generation e la riduzione dei consumi.

Il CDA ha, inoltre, nominato l’ing. Marco Boero, attuale senior advisor di algoWatt per il settore Green Mobility, come nuovo Chief Innovation Data Officer.

Articolo precedenteLa biobatteria batterica produce elettricità per settimane
Articolo successivoIncendi boschivi, dal 24 giugno scatta lo stato di grave pericolosità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui