Antarctic Resolution, la grande opera interdisciplinare sull’Antartide

Sono centocinquanta gli autori, tra cui due ricercatrici dell’Università di Siena, che hanno contribuito alla pubblicazione dell’opera

Antarctic Resolution
Foto di Eduardo Ruiz da Pixabay

Una grande raccolta di studi, saggi, articoli e ricerche sull’Antartide in occasione del 200° anniversario dal suo primo avvistamento (1820-2020). Sono centocinquanta gli autori, tra cui due ricercatrici dell’Università di Siena, che hanno contribuito alla pubblicazione di Antarctic Resolution, il volume edito da Giulia Foscari/Unless e Lars Muller Publishers.
Ilaria Corsi ed Elisa Bergami, rispettivamente docente di ecologia e assegnista di ricerca del dipartimento di Scienze fisiche, della Terra e dell’ambiente dell’Ateneo senese, hanno partecipato alla stesura del libro presentando un articolo sulla problematica emergente della contaminazione da plastica in Antartide.

Leggi anche L’Antartide collasserà nel 2060 se non tagliamo le emissioni ora

“Nel nostro contributo su Antarctic Resolution, – spiegano le ricercatrici – vengono esposti i più recenti studi condotti in Antartide dall’Università di Siena all’interno di progetti PNRA, il Programma Nazionale di Ricerche in Antartide, riguardanti ad esempio gli effetti delle nanoplastiche sul krill antartico e sugli ecosistemi marini e la messa a punto di metodologie innovative che hanno permesso l’identificazione di tracce di plastiche all’interno di collemboli antartici, microartropodi rinvenuti sull’Isola di Re Giorgio”. “Questi studi pionieri  – continuano – mostrano come l’impatto antropico in termine di rifiuti plastici possa interessare e avere conseguenze anche su un territorio remoto come l’Antartide, già fortemente minacciato dal cambiamento climatico in atto”.

Antarctic Resolution è un testo multidisciplinare che ha coinvolto esperti sull’Antartide da tutto il mondo e nelle più svariate discipline: architettura, biologia, chimica, scienze del clima, ingegneria, geografia, storia, diritto, letteratura, logistica, medicina, fisica, scienze politiche, sociologia, tecnologia e arti visive.

Leggi anche Antartide, il buco dell’ozono ha raggiunto la sua massima estensione

Il libro verrà presentato nel corso della Biennale di Venezia edizione 2021, inaugurata lo scorso 22 maggio, dove è presente un’esposizione ad esso collegata.
E’ possibile visitare il sito della manifestazione all’indirizzo https://www.labiennale.org/it/architettura/2021

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui