Da Banca Etica un green bond per investire sulla tutela dell’ambiente

Gabrielli: “La tutela dell’ambiente e il contrasto ai cambiamenti climatici sono nella mission di Banca Etica sin dalla nascita oltre 20 anni fa”

banca etica
Foto di 3D Animation Production Company da Pixabay

Dopo il grande successo del social bond dedicato al contrasto a mafia e usura, interamente collocato in pochi giorni per 2,5 milioni di euro, Banca Etica propone alla clientela un nuovo prestito obbligazionario ordinario dedicato all’ambiente e al contrasto ai cambiamenti climatici.

La proposta è rivolta ai risparmiatori con profilo di rischio adeguato che desiderano ottenere un rendimento con un orizzonte temporale medio-lungo e, contemporaneamente, collaborare alla costruzione di un’economia responsabile verso le persone e l’ambiente.

Leggi anche Arriva la nuova strategia UE sulla finanza sostenibile e i green bond

Il risparmio rimarrà vincolato per 8 anni; l’investimento minimo è di 1000 euro e prevede l’accredito di interessi periodici (cedola semestrale) e il rimborso del capitale alla scadenza.

L’obiettivo è raccogliere 12 milioni di euro che Banca Etica impiegherà per finanziare organizzazioni e aziende che:

  • installano impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili;
  • erogano servizi legati all’efficientamento energetico;
  • convertono quota parte del loro approvvigionamento energetico a favore delle energie rinnovabili o investono nell’efficientamento energetico;
  • operano in base a principi di economia circolare, trattamento di acque reflue, gestione di impianti di depurazione, attività di rigenerazione urbana, educazione e attivismo ambientale;
  • producono e commercializzano prodotti biologici e a filiera corta 
  • coltivano su scala limitata e con forti legami con il territorio; attività di agricoltura sociale, allevamento e pesca non intensivi; trasformatori e rivenditori di prodotti biologici certificati.

Leggi anche Italia: in arrivo i primi green bond sovrani

La tutela dell’ambiente e il contrasto ai cambiamenti climatici sono nella mission di Banca Etica sin dalla nascita oltre 20 anni fa, ben prima che la sostenibilità diventasse una moda sposata anche dalla grande finanza speculativa. Chi sceglie Banca Etica lo fa perché sa di poter contare su un’assoluta trasparenza. Con il nostro Report di Impatto ci impegniamo a rendicontare puntualmente gli impatti sociali e ambientali di tutto il credito che eroghiamo. Nel 2020 12,4 milioni di euro sono stati erogati da Banca Etica a favore di 31 organizzazioni che hanno utilizzato il credito per installare impianti di produzione di energia derivante da fonti rinnovabili (fotovoltaico in primis, ma anche eolico) o che hanno convertito quota parte del loro approvvigionamento energetico a favore delle energie rinnovabili. Questi crediti hanno permesso di evitare l’immissione in atmosfera di 4.900 tonnellate di CO2 (pari alla CO2 assorbita in un anno dal Parco Nazionale delle 5 Terre). 15 milioni di euro sono stati erogati a favore di 20 organizzazioni che li hanno utilizzati per riciclare 167 mila tonnellate di rifiuti e per produrre 1 milione di metri cubi di acqua potabile. Continuiamo con sempre maggiore convinzione su questa strada perché la finanza possa essere davvero e sempre strumento per costruire un mondo migliore”, spiega Nazzareno Gabrielli, direttore di Banca Etica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui