Quasi 70mln per l’agroalimentare e le risorse idriche nel Mediterraneo

Il Ministero Università e Ricerca e il Segretariato Italiano PRIMA preannunciano i bandi 2021

Oltre 68 milioni di euro è il valore complessivo del finanziamento alla ricerca e innovazione nel settore agroalimentare, secondo quanto riportato nell’Orientation Paper 2021 del programma PRIMA (Partnership for Research and Innovation in the Mediterranean Area). Il Ministero dell’Università e della Ricerca e il Segretariato Italiano di PRIMA presentano le nuove opportunità di finanziamento e annunciano i progetti vincitori dei Bandi PRIMA 2020 della Sezione 2.

Dopo i risultati eccezionali di sezione 1 (9 milioni derivanti dal finanziamento europeo) i dati resi noti dalla Fondazione PRIMA sulla Sezione 2, a finanziamento nazionale, hanno confermato l’ottimo risultato conseguito dai team di ricerca italiani: 7.3 milioni a favore di 48 unità di ricerca per un totale di 22 progetti finanziati di cui 9 a guida italiana.

Leggi anche Risorse idriche e agrifood nel Mediterraneo: Italia protagonista dei bandi PRIMA

Complessivamente, anche nel 2020 l’Italia si è distinta per la qualità della ricerca e i risultati raggiunti: il 33% dei progetti (16) è coordinato da un ente del nostro Paese e 35 vedono la partecipazione italiana, con 84 unità di ricerca coinvolte. Di 64 milioni di euro complessivi finanziati da PRIMA nel 2020,16.5 milioni andranno a beneficio di ricercatori e innovatori del nostro Paese.

 “Vorrei sottolineare il successo dei ricercatori italiani in bandi internazionali particolarmente competitivi in un settore strategico come l’agroalimentare” dichiara Angelo Riccaboni, Presidente della Fondazione PRIMA “Le progettualità selezionate potranno fornire soluzioni concrete a supporto delle sfide della sostenibilità sulle quali PRIMA è fortemente impegnata, in linea con l’European Green Deal. L’innovazione sostenibile nel settore dell’agroalimentare può offrire un contributo rilevante alla ripresa economica e alla resilienza sociale ed ambientale del nostro Paese e del Mediterraneo.” 

Per i bandi PRIMA 2021, descritti dall’Orientation Paper, il Ministero dell’Università e della Ricerca mette a disposizione dei ricercatori italiani 7 milioni di euro. Per facilitare la partecipazione ai bandi, il 17 febbraio alle ore 15 si terrà un info-day durante il quale saranno illustrate le tematiche oggetto di finanziamento nel 2021. L’approvazione dei bandi da parte della Commissione è attesa nel corso dei prossimi giorni. Saranno inoltre presentati alcuni progetti vincitori dei bandi.

Programma dell’info-day 17.02.2021 e diretta eventohttp://www.primaitaly.it/prima-info-day-2021/

Articolo precedenteIl mondo dell’agricoltura accoglie il nuovo ministro
Articolo successivoIl traffico di rifiuti dalla Campania che fa tremare la politica in Tunisia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui