Billo, il piatto per mangiare in modo sano ed equilibrato

Nato da un’idea del food and beverage consultant Emanuele Gnemmi per portare anche in Italia l’Healthy Eating Plate di Harvard, Billo è 100% riciclabile e rappresenta la soluzione ideale per creare e comporre comodamente pasti bilanciati e saporiti

billo

Dopo l’Healthy Eating Plate, creato dagli esperti di nutrizione della Harvard T.H. Chan School of Public Health e dagli editori delle Pubblicazioni Harvard Health, arriva in Italia Billo, il piatto per mangiare in modo sano ed equilibrato.  

Billo è un nuovo trend alimentare, che rappresenta una soluzione ideale per comporre comodamente pasti bilanciati e saporiti. La ripartizione dei cibi in questo “piatto unico bilanciato” dalla forma ergonomica e circolare garantisce infatti al consumatore un apporto energetico completo, rispondendo alle necessità nutrizionali di ognuno. 

Leggi anche Gli scarti alimentari si trasformano in nuovi biomateriali

La suddivisione del piatto è organizzata in spicchi proporzionali alle quantità e alla giusta razione dei diversi nutrienti: una parte è occupato da proteine magre (pesce, pollo, fagioli, legumi); un quarto da cereali, preferibilmente integrali (orzo, chicchi di grani, quinoa, avena, riso, pasta); un quarto da vegetali (verdura e frutta). Per la frutta o il dolce, c’è poi una piccola ciotola incorporata, che può essere rimossa prima del posizionamento/riscaldamento in microonde. 

Padre fondatore di Billo è il novarese Emanuele Gnemmi, Amministratore della Emanuele Gnemmi Consulting, che vanta una trentennale esperienza nel mondo del food & beverage; ha inoltre creato e diretto il “Corso di Manager della Ristorazione” in Alma e diretto La Scuola della Cucina Italiana in Condé Nast. “Con il supporto di un’equipe di esperti ho iniziato a lavorare nel 2018 alla realizzazione di un oggetto pratico e comodo che potesse rispondere, in modo rapido, alle esigenze di una dieta sana ed equilibrata”, dichiara Gnemmi che ha lavorato insieme al food designer Mauro Olivieri e alla nutrizionista Consuelo Vecchio. “Il nostro obiettivo primario è stato quello di invogliare, attraverso la creazione di Billo, la popolazione al consumo di un’alimentazione corretta, capace di influire positivamente sulla qualità e sull’aspettativa della vita”. 

Billo, che è ora principalmente rivolto ai marchi internazionali della grande distribuzione e della ristorazione collettiva, prevede la possibilità di realizzare menù per target differenti (dallo sportivo al vegano e vegetariano, dal bambino all’anziano), declinato anche per le diverse intolleranze/allergie alimentari, elaborati da chef esperti, con l’inserimento su ogni confezione di tabelle nutrizionali e calcolo delle calorie. Per quanto riguarda invece la modalità di cottura, basta scaldare tutto il piatto al microonde, riducendo così i tempi in cucina e evitando di sporcare e lavare piatti e pentole. 

Totalmente Made in Italyil piatto Billo è ecosostenibile e riciclabile al 100%. Viene prodotto a Genova dallo stampatore Stefano Carlucci, competente in ambito di progettazione e realizzazione di stampi sotto direttive inerenti le G.M.P. e i protocolli attenti all’igiene e alla rintracciabilità, ma soprattutto sensibili all’aspetto ambientale e improntati al recupero della plastica del 99%. Grazie alla partnership con “Vacutech” sono già disponibili gli stampi per il confezionamento in Atmosfera Protettiva per garantire maggior Shelf Life degli alimenti.  

Leggi anche Dal mondo del design arriva OOho, la bottiglia commestibile

Il confezionamento di Billo è, infine, stato studiato e progettato ad hoc per evitare lo scambio di liquidi: il confezionamento in atmosfera protettiva garantisce che ciascuna insenatura del piatto sia perfettamente sigillata e chiusa evitando così la fuoriuscita di aromi, alimenti e liquidi tra un’area e l’altra del piatto. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui