Cattura CO2: NextChem si aggiudica i lavori di ingegneria per l’impianto Eni

I lavori di ingegneria riguardano un impianto in grado di catturare 25 mila ton/anno di CO2 dalla centrale di gas naturale di Casalborsetti a Ravenna. NextChem ha sviluppato soluzioni per la valorizzazione della CO2 catturata in linea con i target di riduzione dei gas serra e di contenimento dell’innalzamento della temperatura del pianeta

Emissioni: un nuovo indicatore misura il costo di mortalità del carbonio
Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Maire Tecnimont S.p.A. annuncia che la sua controllata NextChem si è aggiudicata da ENI i lavori di ingegneria – con una possibile conversione in EPC (Engineering, Procurement and Construction) al concretizzarsi di determinate condizioni –per un impianto di cattura di COgenerata dalla centrale di gas naturale di Casalborsetti, in provincia di Ravenna. L’impianto consentirebbe di catturare la COdai fumi in uscita dal turbo compressore della centrale, per poi purificarla e comprimerla, consentendo così la cattura di circa 25 mila tonnellate annue di anidride carbonica, che verrebbero altrimenti emesse in atmosfera.

Leggi anche Abilitare la transizione energetica in India: visione industriale e sviluppo sociale

La tecnologia che sarà utilizzata per il progetto ha la caratteristica di avere un’elevata efficienza e ridotti consumi per la cattura della COdai fumi anche a basse concentrazioni ed è già stata ampiamente utilizzata nel mondo per catturare le emissioni dei settori industriali hard-to-abate.

NextChem ha sviluppato una gamma di soluzioni per il riutilizzo della COper la produzione di nuovi chemical in ottica di un’economia sempre più circolare e basata sulla simbiosi industriale. 

Pierroberto Folgiero, CEO di Maire Tecnimont e di NextChem ha commentato: “La cattura della CO2, la sua valorizzazione e il suo riutilizzo costituiscono un tassello fondamentale per la riduzione dei gas serra e quindi per il raggiungimento degli obiettivi climatici per il contenimento dell’innalzamento della temperatura del pianeta. Per arrivare alla neutralità climatica entro il 2050 sarà fondamentale l’apporto delle tecnologie per la cattura, valorizzazione e sequestro della CO2. Noi siamo fortemente impegnati in questo segmento tecnologico della transizione energetica e questo progetto dimostra la concretezza della nostra strategia permettendoci di avanzare verso il raggiungimento degli obiettivi che ci siamo dati nel business Green Energy. Siamo orgogliosi di essere stati scelti per questa iniziativa, che rappresenta un milestone di riferimento a livello internazionale e permetterà di valorizzare la filiera industriale italiana”.

Leggi anche Identità ESG, la strategia sostenibile di NextChem corre sui binari dell’innovazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui