Coldiretti: Grandi incendi triplicati in Italia nell’estate 2021

6 roghi su 10 sono di origine dolosa, ricorda l’associazione aggiungendo “la maggioranza dei boschi nazionali si trova senza la presenza di un agricoltore che possa gestirli”

incendi
Image by David Mark from Pixabay

Grandi incendi triplicati in Italia (+203%) nell’estate 2021 con danni per milioni di euro all’ambiente, all’economia, al lavoro e al turismo. E’ quanto emerge dall’analisi di Coldiretti su dati Effis rispetto alla media storica 2008-2020 in relazione ai violenti roghi che stanno devastando la Penisola dalla Sicilia alla Sardegna, dalla Puglia all’Abruzzo, dalla Toscana alla Calabria fino alla Basilicata con decine di migliaia di ettari di boschi e macchia mediterranea inceneriti dalle fiamme, animali morti, alberi carbonizzati, oliveti e pascoli distrutti e fiamme che arrivano a lambire le città.

E’ una vera e propria emergenza nazionale per la sicurezza delle popolazioni e per l’economia in un momento in cui – sottolinea Coldiretti – con l’avanzare della campagna vaccinale tutti gli sforzi sono concentrati sulla guerra al Covid e sulla ripresa economica con la stagione turistica in pieno svolgimento.

Leggi anche Emergenza incendi: brucia il Mediterraneo, 1500 roghi solo in Italia

Una situazione angosciante che l’Italia è costretta ad affrontare perché se da una parte 6 roghi su 10 sono di origine dolosa, dall’altra – evidenzia la Coldiretti – per effetto della chiusura delle aziende agricole, la maggioranza dei boschi nazionali si trova senza la presenza di un agricoltore che possa gestirli in un Paese come l’Italia dove più di un terzo della superficie, per un totale di 11,4 milioni di ettari, è coperta da  boschi con quasi 1 su 3 (32%) che in Italia fa parte di aree protette. Un patrimonio naturalistico il cui valore è riconosciuto a livello internazionale con le faggete vetuste mediterranee nei parchi nazionali di Aspromonte, Gargano e Pollino inserite tra le foreste tutelate dall’Unesco come patrimonio mondiale.

I boschi italiani sono gioielli da difendere anche perché i danni causati dalle fiamme sono purtroppo a lungo termine visto che – spiega Coldiretti – ci vogliono almeno 15 anni per far rinascere tutto l’ecosistema forestale e tutte le attività umane tradizionali: dalla raccolta della legna a quella dei tartufi e dei piccoli frutti, dai ricerca dei funghi all’ecoturismo

Per difendere il bosco italiano occorre creare le condizioni – rileva Coldiretti – affinché si contrasti l’allontanamento dalle campagne e si valorizzino quelle funzioni di sorveglianza, manutenzione e gestione del territorio svolte dagli imprenditori agricoli. Un’opportunità in tal senso viene dalla legge di orientamento che – aggiunge Coldiretti – invita le pubbliche amministrazioni a stipulare convenzioni con gli agricoltori per lo svolgimento di attività funzionali alla salvaguardia del paesaggio agrario e forestale.

I boschi assolvono funzioni importanti per la collettività, come per la prevenzione dalle frane e dalle alluvioni in un Paese come l’Italia dove più di 9 comuni su 10 hanno parti di territorio a rischio idrogeologico, per questo – conclude la Coldiretti – serve una corretta gestione per preservare i territori e mantenere un patrimonio naturale che rappresenta una strategica risorsa turistica e ambientale.

1 commento

  1. Sorveglianza, manutenzione e gestione dei boschi in mano ai coltivatori???? Ma se sono proprio loro ad appiccare gli incendi!!! Proprio come l’ottantenne di Messina e il 25enne albanese sorpresi con taniche di benzina e accendini. E alla Coldiretti hanno pure il coraggio di puntare il dito sul business dei fotovoltaici, quando sanno benissimo che ci sono leggi nazionali recepite anche dalle Regioni che vietano di riconvertire terreni bruciati per 15 anni!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui