La corporate social responsibility di Arval ottiene il livello Platinum di EcoVadis nel 2020

Il gruppo passa dal livello Gold al livello Platinum piattaforma di Corporate Social Responsibility EcoVadis grazie a un punteggio 2020 di 74/100

Corporate Social Responsibility
Foto di will zhang da Pixabay

(Rinnovabili.it) – Arval, leader globale nel noleggio a lungo termine di veicoli e nelle soluzioni di mobilità sostenibile, ha ottenuto il livello Platinum dalla piattaforma di Corporate Social Responsibility EcoVadis, classificandosi nel primo 1% delle società del suo settore.

Nel 2020, Arval ha raggiunto un punteggio di 74/100, in crescita rispetto al punteggio 2019 che era pari a 70/100. Questo risultato permette ad Arval di passare dal livello Gold al livello Platinum, il più alto nella scala EcoVadis e, per il quinto anno consecutivo, conferma l’impegno di Arval a favore della Responsabilità Sociale d’Impresa che, con il nuovo piano Arval Beyond, si colloca al centro della strategia aziendale.

Leggi anche Economia circolare nella responsabilità sociale di impresa

Il cambiamento climatico e la sostenibilità non sono mai stati così significativi per gli attori del mondo automotive e della mobilità come in questo periodo. Per 30 anni, Arval ha concentrato la sua attività nel noleggio a lungo termine. Oggi, anche grazie alla mobilitazione dei suoi collaboratori, a un business solido e al supporto del Gruppo BNP Paribas, in linea con gli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite, la società riafferma la sua ambizione di posizionarsi come motore del cambiamento. Arval supporta i suoi clienti nei propri percorsi di transizione energetica attraverso le sue principali proposte: offrendo cioè soluzioni di mobilità sostenibile.

L’obiettivo globale di Arval è di costruire una cultura profondamente legata alla responsabilità, basata su talento e inclusione, per ispirare tutti i suoi collaboratori affinché abbiano un impatto positivo ogni giorno, in tutte le loro azioni.

La CSR non è solo una questione di responsabilità ma anche di fiducia. I nostri collaboratori e i nostri clienti si aspettano che noi guidiamo il cambiamento. Per farlo, ci impegniamo a lanciare soluzioni concrete per supportare i nostri clienti nei loro percorsi di transizione energetica e nella loro strategia di mobilità. Lo facciamo fungendo da esempio: cerchiamo sempre, infatti, di testare i nostri prodotti all’interno di Arval prima di renderli fruibili ai clienti. Costruire un futuro sostenibile è una sfida entusiasmante e ognuno, in Arval, deve fare la propria parte” dichiara Alain Van Groenendael, Presidente e CEO di Arval.

Nel corso del 2020, anche l’impegno di Arval Italia sul fronte della Responsabilità Sociale di Impresa è stato riconosciuto da EcoVadis, che ha assegnato alla filiale italiana il “Gold Rating”, con un punteggio globale di 68/100, collocandola così tra il 5% delle migliori società in ambito CSR valutate da EcoVadis a livello globale.

Leggi anche Bilancio di sostenibilità: come eseguire il reporting

Il riconoscimento di EcoVadis è un’ulteriore conferma dell’attenzione alla qualità che Arval mette in ogni fase di erogazione del servizio, dell’impegno costante alla riduzione degli impatti ambientali, della tutela della salute e della sicurezza dei dipendenti sui luoghi di lavoro e della volontà di promuovere la sicurezza stradale verso i propri lavoratori, attestati da quattro certificazioni che Arval Italia ha ottenuto e confermato nel corso degli anni: UNI EN ISO 9001: 2015, UNI EN ISO 14001: 2015, UNI ISO 45001: 2018 e ISO 39001:2012.

Da sempre, Arval Italia svolge la sua attività con l’intenzione di avere un impatto positivo sui territori e nelle comunità in cui opera, in ambito ambientale, sociale ed economico, supportando al contempo i propri clienti sempre più attenti ai temi legati alla sostenibilità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui