Dalla BEI 40mln al Gruppo PUNCH per sviluppare tecnologie per la propulsione a idrogeno

Gli investimenti verranno effettuati principalmente presso gli stabilimenti dell’azienda a Torino e, in minor parte, a Strasburgo (Francia)

Idrogeno
Foto di 41330 da Pixabay

La Banca europea per gli investimenti (BEI) e il Gruppo PUNCH, un’innovativa MidCap belga leader nello sviluppo di sistemi di propulsione e controllo per veicoli ibridi ed elettrici, hanno firmato un contratto di finanziamento di 40 milioni di euro per sostenere le attività di ricerca, sviluppo e innovazione (RSI) della società. Gli investimenti saranno effettuati principalmente presso le sedi aziendali di Torino e, in misura minore, di Strasburgo (Francia).

Le risorse messe a disposizione dalla banca dell’UE, sostenute da una garanzia del Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS) – il pilastro principale del Piano di investimenti per l’Europa – consentiranno al Gruppo PUNCH di sviluppare tecnologie per motori a idrogeno e relativi sistemi di stoccaggio energetico (fuel cells) per il settore automobilistico e dei veicoli commerciali e industriali, con l’obiettivo di promuovere la mobilità sostenibile e la diffusione di tecnologie innovative in tutta Europa.

leggi anche WEF, von der Leyen: “Abbiamo un piano industriale per il Green Deal”

Operazioni come quelle firmate con il Gruppo PUNCH sono fondamentali per promuovere la decarbonizzazione del settore automobilistico e dei veicoli industriali e commerciali tramite lo sviluppo di soluzione innovative come motori ad idrogeno, fuel-cell e elettrici,” ha dichiarato Gelsomina Vigliotti, Vicepresidente BEI. “La BEI, in qualità di Banca per il clima dell’UE, svolge un ruolo significativo nella trasformazione della mobilità verso un futuro a basse emissioni di CO2.”

Il Commissario per l’Economia, Paolo Gentiloni, ha dichiarato: “Investire in tecnologie che promuovono la mobilità sostenibile è fondamentale per raggiungere i nostri obiettivi climatici. È quindi un’ottima notizia che la BEI, sostenuta dal Piano di investimenti per l’Europa, fornisca questo finanziamento per lo sviluppo di tecnologie per motori a idrogeno per veicoli commerciali e industriali in Italia e in Francia. Questa operazione creerà posti di lavoro e sosterrà lo sviluppo di tecnologie verdi innovative a beneficio di tutti i cittadini europei.

Il sostegno della BEI sarà un fattore chiave per l’attuazione della nostra visione di una mobilità sostenibile per tutti. Vogliamo espandere la nostra esperienza tecnologica nel campo della propulsione elettrica e a idrogeno e crediamo nell’enorme potenziale dei motori a idrogeno, in particolare per i veicoli più pesanti o commerciali, per i veicoli fuoristrada e per il settore marino”, ha spiegato Guido Dumarey, proprietario e presidente fondatore del Gruppo PUNCH.

L’operazione in oggetto è in linea con l’Accordo di Parigi e con la politica di finanziamento della Banca nel settore dei trasporti in quanto contribuisce alla decarbonizzazione del settore automobilistico, dei veicoli commerciali e industrialie all’adozione di tecnologie verdi basate sull’idrogeno e l’elettrificazione.

PUNCH Torino nasce nel 2005 come Centro di Ingegneria e Sviluppo di General Motors. Dal 2020 fa parte del Gruppo PUNCH come sito all’avanguardia per i sistemi di propulsione e mobilità. La sua affiliata PUNCH Hydrocells sta lavorando attivamente per far confluire le competenze acquisite sui motori diesel verso l’idrogeno.

Articolo precedentePer FERALPI una doppia certificazione Carbon Footprint nel segno della ESG strategy
Articolo successivoItelyum acquisisce Ecowatt Vidardo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui