Decreto attuativo CER: il commento di SENEC sui ritardi

Zongoli (SENEC Italia): “Ciò di cui c’è bisogno è un decreto che faciliti la creazione di una CER e riduca i tempi di attivazione”

Nonostante le varie consultazioni e promesse l’Italia è ancora in attesa del decreto attuativo che permetta finalmente di sbloccare le comunità energetiche rinnovabili, sia quelle già formate ma in attesa del via libera, sia quelle che aspettano norme certe prima della loro formazione, ma che sono altrettanto ansiose di partire.

SENEC, che sviluppa e produce sistemi intelligenti di accumulo e fornisce soluzioni per l’autosufficienza energetica, ha presentato recentemente Efficienza Facile, un progetto che darà a privati e imprese la possibilità di avere la consulenza necessaria a 360° per intraprendere la strada della sostenibilità e arrivare all’indipendenza energetica proprio grazie alle CER. Con una quota di mercato per l’Italia pari al 14% nel 2021, l’azienda è tra gli attori principali nell’accelerare la transizione energetica oggi in atto e, attraverso il proprio portavoce, ha commentato quanto sta succedendo in questi giorni.

Decreto Attuativo Comunità Energetiche Rinnovabili

“Il caro bollette che non accenna ad arrestarsi, un prezzo al kilowattora che non sembra destinato a tornare a quello degli ultimi anni, ma anche la voglia di essere autonomi e concorrere al benessere del pianeta e della collettività utilizzando risorse interamente rinnovabili: in questo contesto, le CER assumono un’importanza sempre maggiore e avere un decreto attuativo che possa finalmente sbloccare la situazione è oggi sempre più urgente. Basti pensare che delle 100 comunità energetiche mappate da Legambiente fino a giugno 2022, di cui soltanto 16 sono riuscite a completare l’iter di attivazione presso il GSE e, di queste, solo 3 hanno ricevuto i primi incentivi statali. Ciò di cui c’è bisogno è un decreto che faciliti la creazione di una CER e riduca i tempi di attivazione. Spesso, infatti, sono proprio le lunghe attese e le incertezze che scoraggiano cittadini e imprese e li rendono meno propensi ad adottare nuove risorse, ad aderire a nuovi progetti, a scegliere la strada delle rinnovabili”.

Così Vito Zongoli, Managing Director di SENEC Italia commenta il ritardo del Decreto Attuativo in materia di CER.

SENEC, in qualità di azienda specializzata nel settore fotovoltaico e nei sistemi di accumulo, vuole accelerare la transizione verso un sistema energetico più sostenibile anche attraverso la creazione e gestione di Comunità Energetiche Rinnovabili che possano generare non solo energia rinnovabile, ma soprattutto valore presente e futuro, salvaguardando l’ambiente e generando al tempo stesso vantaggi economici e sociali. Migliorare la sicurezza dell’approvvigionamento senza trascurare l’azione per il clima deve continuare ad essere la sfida principale per le imprese e per la politica”.

Articolo precedenteABB investe nella startup climate tech Tallarna
Articolo successivoL’impatto sul clima della guerra in Ucraina? In 7 mesi inquina come l’Olanda

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui