Digitalizzazione e innovazione del sistema produttivo italiano

Il punto di vista del mondo politico e industriale in un evento targato RSE

Digitalizzazione
Foto di Gerd Altmann da Pixabay

“L’innovazione tecnologica e la digitalizzazione delle imprese possono costituire un’opportunità nel promuovere la transizione energetica del sistema produttivo italiano e, intersecandosi, possono condurre verso traguardi di efficienza indispensabili nel complessivo panorama del Green Deal al 2030. Anche in questo caso, RSE si pone all’intersezione tra la dimensione della policy pubblica e le reali applicazioni industriali”: così MaurizioDelfanti, Amministratore Delegato RSE, ha introdotto il tema dell’evento che si è svolto il 25 maggio, con la partecipazione del Ministero dello Sviluppo Economico e Confindustria; occasione anche per presentare la recente monografia della collana RSEview “L’i-ndustria efficiente – Le opportunità delle imprese nella transizione energetica”.

Leggi anche Digitalizzazione e IA possono accelerare la decarbonizzazione

Il Viceministro dello Sviluppo Economico GilbertoPichettoFratinha posto l’accento sui temi della sostenibilità ambientale e della decarbonizzazione, ampiamente trattati nella monografia RSE e obiettivi che non riguardano soltanto la questione ambientale, ma anche gli aspetti legati all’efficienza, in termini di competitività del sistema industriale e della sua capacità di intervento sul mercato. Il Viceministro ha quindi sottolineato il ruolo del Governo nell’orientare e supportare il cambiamento culturale del Paese e la trasformazione digitale delle imprese.

Massimo Beccarello, Vicedirettore politiche industriali di Confindustria, ha quindi offerto il punto di vista delle imprese: il sistema industriale vive la sfida dello sviluppo sostenibile e dell’innovazione dei processi e deve saper cogliere le opportunità della trasformazione in atto. Una trasformazione, secondo Beccarello, dagli elevati impatti socioeconomici sulla struttura produttiva del Paese e, per questo aspetto, di competenza del Ministero dello Sviluppo Economico.

Moderato da Maurizio Melis, conduttore di Radio 24, l’evento è quindi entrato nel vivo delle evidenze ripotate nella monografia RSE con Marco Borgarello, Responsabile Gruppo di Ricerca Efficienza Energetica del Dipartimento Sviluppo Sistemi Energetici di RSE, che dopo aver spiegato alcune applicazioni pratiche e i conseguenti benefici della digitalizzazione in alcune imprese italiane ha concluso auspicando una sinergia tra la transizione digitale e la transizione verde, sottolineando anche la necessità di avvalersi di competenze e professionalità in grado di accompagnare questa trasformazione.

Il dibattito è quindi proseguito con i contributi di Marco Calabrò, Divisione IV – Politiche per l’innovazione e per la riqualificazione dei territori in crisi del Ministero dello Sviluppo Economico, PaoloNeridi Warrant Hub Spa-Tinexta Group, ClaudioPalmieri di Hera e con DarioDiSanto di FIRE.

Leggi anche RSE presenta Viktor, sensore smart per la diagnostica elettrica

Ciò che in sintesi è emerso dal convegno è che il settore industriale rappresenta il grande interprete della sfida della decarbonizzazione. Solo coniugando sapientemente competitività, ottimizzazione delle risorse e innovazione tecnologica sarà possibile raggiungere gli obiettivi prefissati e realizzare l’auspicato cambio di passo nello sviluppo del tessuto socioeconomico del Paese.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui