E.ON: Al via una nuova stagione di Energy4Blue

Prosegue e si arricchisce di iniziative il programma volto a coinvolgere e sensibilizzare l’intera comunità sull’importanza dell’ecosistema marino per il proprio benessere e per quello del Pianeta, tra cui l’evento celebrativo IOC-UNESCO di questo pomeriggio a cui interverrà Davide Villa, CCO di E.ON Italia.

Energy4Blue

E.ON, tra i principali operatori energetici in Italia, proprio nel giorno in cui ricorre la Giornata Mondiale degli Oceani, ribadisce il proprio impegno per la salvaguardia dell’ecosistema marino e sceglie di farlo accanto a due partner di prestigio, con i quali condivide principi e valori nel rispetto del mare: Filicudi Wildlife Conservation e la Commissione Oceanografica Intergovernativa dell’UNESCO (IOC-UNESCO).

Si rafforza la collaborazione con Filicudi Wildlife Conservation

Molte le novità nell’ambito della partnership tra E.ON e Filicudi Wildlife Conservation, associazione no profit impegnata nello studio e conservazione delle risorse marine dell’Arcipelago Eoliano, con una forte attenzione verso le popolazioni di cetacei – tursiopi, stenella striatacapodoglio – e le tartarughe marine.

Il percorso insieme alla Commissione Oceanografica Intergovernativa dell’UNESCO: gli aggiornamenti da Mondello e l’evento di Venezia

Prosegue a gonfie vele il progetto Save the Wave che nell’ambito di Energy4Blue ha reso possibile la riforestazione del fondale del Golfo di Mondello con la Posidonia Oceanica. Dei 100mq previsti, ne rimangono da coprire solo 20mq.

La restante area sulla quale verrà piantata la Posidonia darà modo ad altre scuole di prendere parte al progetto che verrà ultimato entro giugno.

“Essere qui oggi è per noi di E.ON l’occasione per ribadire il nostro impegno verso la tutela del mare al fianco di partner prestigiosi come la Commissione Oceanografica Intergovernativa dell’UNESCO, che ringraziamo per l’invito, e Filicudi Wildlife Conservation. E.ON intende continuare a supportare  associazioni impegnate in prima linea per difendere l’ecosistema marino e la sua biodiversità. In tal senso la cooperazione tra aziende, cittadini e istituzioni è fondamentale: la salute degli oceani garantisce, infatti, benefici a tutti noi che popoliamo il Pianeta ed è quindi un nostro dovere agire con urgenza per restituire al mare ciò che negli anni è stato tolto”, ha affermato Davide Villa, Chief Customer Officer e Board Member di E.ON Italia.

Articolo precedente300 CEO hanno chiesto tempi e modi certi per la transizione ecologica
Articolo successivoAdattamento climatico, l’UE creerà la città perfetta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui