E.ON: punto di svolta per la fornitura di energia

Il CEO Leonhard Birnbaum: garantire la sicurezza dell’approvvigionamento e l’accessibilità economica a breve termine; ridurre la dipendenza energetica ed incrementare significativamente il ricorso all’idrogeno e alle energie rinnovabili sul lungo periodo

e.on

Durante la conferenza stampa dei risultati annuali dell’azienda oggi, il CEO di E.ON Leonhard Birnbaum ha condannato fortemente l’attacco all’Ucraina.

“L’aggressione contro l’Ucraina è un terribile ritorno ai tempi bui. Condanniamo la guerra e la violenza e sosteniamo pienamente le sanzioni dell’Unione europea. I nostri pensieri sono con il popolo ucraino che ora sta soffrendo tra la guerra e la necessità di cercare rifugio”.

Birnbaum ha anche sottolineato che E.ON non solo sta fornendo milioni in aiuti umanitari a breve termine, ma si sta anche assumendo la responsabilità di plasmare il futuro approvvigionamento energetico dell’Europa.

La guerra è la prova dolorosa che l’Europa sta affrontando il compito a lungo termine di ridurre la sua dipendenza dall’energia russa. Ma ci sono anche delle risposte. L’Europa ha bisogno di diversificare le sue importazioni di energia. Questo include il GNL e l’idrogeno. E l’Europa ha bisogno di andare avanti ancora più risolutamente con la sua transizione energetica green”.

A breve termine, tuttavia, l’obiettivo è mantenere la sicurezza energetica per i prossimi due anni.

Birnbaum ha detto: “Dobbiamo anche garantire l’accessibilità economica dell’energia. Sia per le famiglie che per l’industria. Non ci sono soluzioni facili, né la Germania può permettersi di prendere una posizione eticamente purista se non vuole mettere in pericolo la sua base industriale e la sua economia. Ecco perché accolgo con favore l’approccio prudente del governo tedesco”.

Il business dell’azienda ha continuato a performare molto bene nel 2021, nonostante un ambiente di mercato turbolento e il secondo anno della pandemia di Covid.

Il CFO Marc Spieker ha dichiarato: “E.ON ha concluso l’anno con successo e hasuperato le aspettative, rafforzando ulteriormente le basi finanziarie per la crescita futura“.

E.ON ha incrementato l’EBITDA rettificato del Gruppo di un miliardo di euro fino a 7,9 miliardi di euro. Uno dei driver della crescita è stato il segmento Customer Solutions, che ha aumentato il suo EBITDA del 45% a 1,5 miliardi di euro, in parte grazie al successo della ristrutturazione dell’attività nel Regno Unito. La unit Energy Infrastructure Solutions, il cui EBITDA è aumentato del 40% rispetto all’anno precedente fino a 480 milioni di euro, sta diventando un’attività di crescita sempre più importante. Anche la unit Future Energy Home, la cui offerta comprende pannelli solari e dispositivi di stoccaggio delle batterie, ha registrato un aumento della domanda: il numero di dispositivi installati è passato da 100.000 a 125.000 in un solo anno. I guadagni del gruppo sono stati influenzati positivamente anche dal Non-Core Business: l’utilizzo particolarmente elevato delle centrali elettriche e l’attuale livello dei prezzi sul lato delle vendite hanno dato un contributo, soprattutto nel quarto trimestre. I guadagni di Energy Networks hanno rispecchiato soprattutto le condizioni meteorologiche positive, l’assenza di effetti negativi della pandemia e gli sviluppi normativi previsti nel settore delle reti in Germania.

E.ON sfida l’aumento dei prezzi dell’energia nel 2021

L’impatto sugli utili della situazione sempre più estrema dei mercati energetici nella seconda metà del 2021 è stato gestibile per E.ON. L’aumento dei costi per le perdite di linea in Svezia e nell’Europa centrale e orientale ha portato ad un temporaneo effetto negativo per le reti energetiche. I meccanismi di regolamentazione in questi paesi porteranno al recupero di questi costi in diversi anni. Il segmento Customer Solutions di E.ON persegue consapevolmente una strategia di approvvigionamento conservativa per tutti i mercati di vendita dell’energia e ha quindi superato bene la situazione eccezionale dei mercati delle materie prime con solo contenuto impatto negativo sugli utili.

L’indebitamento diminuisce significativamente

E.ON ha registrato un utile netto rettificato di 2,5 miliardi di euro nel 2021, il 53% in più rispetto al 2020 e 100 milioni di euro al di sopra dell’estremità superiore della gamma di previsioni che E.ON ha aumentato lo scorso autunno. L’indebitamento netto economico è diminuito di quasi 2 miliardi di euro dalla fine del 2020 a 38,8 miliardi di euro. Il miglioramento del debito netto economico è principalmente attribuibile a una riduzione degli accantonamenti per le pensioni. I forti guadagni nell’esercizio 2021 e la riduzione dell’indebitamento netto economico hanno già permesso a E.ON di ridurre il suo fattore di indebitamento a 4,9, che è all’interno del suo range target di 4,8 – 5,2 volte l’EBITDA per un rating BBB/Baa forte.

La sostenibilità al centro della strategia di E.ON

Il CFO Marc Spieker ha anche sottolineato che E.ON ha fatto progressi significativi nel raggiungimento dei suoi obiettivi di sostenibilità.

“Le nostre soluzioni energetiche all’avanguardia hanno ridotto le emissioni di carbonio dei nostri clienti di 107 milioni di tonnellate. Le nostre stesse emissioni di carbonio nel 2021 sono scese a 9,4 milioni di tonnellate. Siamo anche diventati partner delle Nazioni Unite come pionieri nella gestione ecologica dei corridoi delle linee elettriche e stiamo creando preziosi biotopi sotto 13.000 chilometri di linee ad alta tensione”.

Gli investimenti sostengono la transizione energetica dell’Europa

Alla presentazione della sua strategia di crescita lo scorso novembre, E.ON ha annunciato che avrebbe aumentato significativamente gli investimenti per accelerare la crescita degli utili. E.ON prevede di investire 5,3 miliardi di euro nel 2022 e un totale di 27 miliardi di euro fino al 2026. Più di tre quarti di questi investimenti saranno destinati alle reti energetiche. Una percentuale a due cifre è destinata alle soluzioni per le infrastrutture energetiche.

Spieker ha affermato: “Il 97% dei nostri investimenti tassabili nel 2021 sono stati allineati alla tassonomia. I nostri investimenti stanno quindi aprendo la strada a un futuro di energia verde e sostengono gli obiettivi politici per affrontare il cambiamento climatico. E.ON è di gran lunga il più grande emittente di corporate bond della Germania”.

Avvio di revisioni strategiche

In linea con la sua strategia, E.ON rivede continuamente il suo portafoglio per portare avanti la sua agenda strategica di sostenibilità, digitalizzazione e crescita. A questo proposito, E.ON ha deciso di avviare il processo di studio delle opzioni strategiche per le sue attività di teleriscaldamento a Norrköping e Örebro in Svezia, compresa la possibilità di una cessione. Le altre attività di teleriscaldamento di E.ON non fanno parte di questa revisione. E.ON sta inoltre avviando un processo per valutare la possibilità di trovare un co-investitore per sostenere la crescita dell’attività di Westenergie relativa alle infrastrutture a banda larga. Non c’è alcuna certezza che queste revisioni porteranno a delle transazioni e E.ON fornirà un ulteriore aggiornamento se e quando sarà opportuno.

Previsioni soggette all’impatto futuro della guerra

E.ON ha emesso la sua previsione degli utili per l’anno finanziario 2022 con l’avvertenza che l’impatto a breve e lungo termine della guerra in Ucraina sulla sua performance aziendale e sui principali indicatori di performance non può essere pienamente stimato in questo momento.

In queste circostanze, E.ON prevede di registrare un EBITDA rettificato di 7,6-7,8 miliardi di euro nel 2022. Spieker ha sottolineato che, nonostante i minori guadagni dal nucleare, questo sarà raggiunto principalmente attraverso una significativa crescita organica nel core business di E.ON. E.ON intende anche realizzare 400 milioni di euro di sinergie aggiuntive attraverso l’integrazione di Innogy. Questa previsione degli utili non include ancora le misure di ottimizzazione del portafoglio. E.ON ha annunciato nel novembre 2021 che cederà da 2 a 4 miliardi di euro di attività per finanziare la crescita fino al 2026, principalmente attraverso piccoli aggiustamenti del portafoglio.

Spieker si aspetta che E.ON registri un utile netto rettificato di 2,3-2,5 miliardi di euro nel 2022, che corrisponde a un utile per azione di 88-96 centesimi. Ha anche riaffermato la proposta di dividendo di E.ON per il 2021 di 49 centesimi per azione e il suo obiettivo di aumentare il dividendo fino al 5% all’anno fino al 2026.

Articolo precedenteInsetti pronubi, Bruxelles cerca aiuto per salvare api, bombi e farfalle
Articolo successivoPET riciclato, contamina cibi e bevande più della plastica vergine?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui