easyJet si unisce alla campagna Race to Zero

La compagnia aerea sottoporrà il suo target intermedio basato su evidenze scientifiche all’iniziativa Science Based Targets (SBTi) per la convalida e presenterà la sua tabella di marcia net-zero nei prossimi mesi

easyjet
Credits: Free-Photos da Pixabay

easyJet ha aderito oggi a Race to Zero, una campagna globale supportata dalle Nazioni Unite con l’obiettivo di raggiungere le zero emissioni nette di anidride carbonica al più tardi entro il 2050.  

Prendendo parte alla campagna, la compagnia aerea si impegna a stabilire un target intermedio basato su evidenze scientifiche per il 2035 e a raggiungere le zero emissioni nette di anidride carbonica entro il 2050, allineandosi con i criteri e le raccomandazioni dell’iniziativa Science Based Targets (SBTi). easyJet prevede di presentare la sua tabella di marcia net-zero nei prossimi mesi.

Rendere i voli più sostenibili è qualcosa a cui la compagnia sta dando priorità da diverso tempo.

Leggi anche Emissioni del trasporto aereo, la COP26 lascia a terra l’ambizione

Nel 2019, è diventata infatti, la prima grande compagnia aerea al mondo a compensare le emissioni di anidride carbonica derivanti dal carburante utilizzato per tutti i suoi voli, e attualmente rimane l’unica grande compagnia aerea in Europa a farlo. Ciò avviene senza costi aggiuntivi per i passeggeri. easyJet sostiene esclusivamente progetti che sono certificati da Gold Standard o Verified Carbon Standard. 

Easyjet è consapevole del fatto che la compensazione rappresenta solo una soluzione provvisoria. La compagnia crede infatti che l’aviazione debba realizzare cambiamenti radicali e sta lavorando con i suoi partner Airbus e Wright Electric per accelerare lo sviluppo di tecnologie a zero emissioni. La compagnia aerea è ottimista sul fatto di poter iniziare a far volare i clienti su aerei alimentati dalla combustione dell’idrogeno, aerei elettrici a idrogeno o ibridi tra la metà e la fine degli anni 30.  

easyJet opera con aerei Airbus NEO, che sono il 15 per cento più efficienti in termini di consumo di carburante rispetto agli aerei della generazione precedente, e questi continuano ad aggiungersi alla sua flotta, rendendola una delle più giovani e più efficienti in termini di consumo di carburante in Europa. 

La compagnia si impegna inoltre costantemente nelle sue operazioni quotidiane per ridurre il consumo di carburante, con rullaggi monomotore al decollo e all’atterraggio e l’uso di informazioni meteorologiche avanzate per migliorare le prestazioni di navigazione. Dal 2000, questi sforzi si sono tradotti in una riduzione di oltre un terzo delle emissioni di anidride carbonica per passeggero al chilometro. 

Leggi anche Usa: nasce il veicolo elettrico volante “personale”

Oltre all’anidride carbonica, easyJet si sta concentrando sulla riduzione della plastica – più di 27 milioni di articoli monouso in plastica sono stati eliminati – così come sulla riduzione dei rifiuti all’interno delle sue maggiori operazioni e della catena di approvvigionamento.  Per esempio, la compagnia aerea ha recentemente introdotto nuove uniformi per l’equipaggio realizzate con bottiglie di plastica riciclate. Per la realizzazione di ogni uniforme sono necessarie quarantacinque bottiglie – e ciò consente di potenzialmente evitare che 2,7 milioni di bottiglie di plastica finiscano nelle discariche o negli oceani nei prossimi cinque anni. Le nuove uniformi sono realizzate con un materiale high-tech prodotto usando fonti di energia rinnovabile con un’impronta di carbonio inferiore del 75 per cento rispetto al poliestere tradizionale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui