ProntoPro ecobonus 110%: i dubbi sulle norme fanno calare drasticamente le richieste

ProntoTrends, l’Osservatorio di ProntoPro sul mercato dei servizi, evidenzia una rinnovata attenzione su altri ambiti di rinnovamento della propria casa: -70% le richieste per ristrutturazione casa da inizio anno, -37% le richieste per il rifacimento delle facciate, +65% le richieste di installazione o sostituzione delle caldaie, +20% le richieste per la progettazione di giardini rispetto al 2020

proroga-110-unifamiliari
via depositphotos.com

ProntoPro ha preso in esame diversi servizi legati all’ecobonus 110%

Milano, 1 agosto 2022 – ProntoPro, marketplace di riferimento che mette in contatto domanda e offerta di servizi professionali ha analizzato i dati relativi alle ricerche sul proprio portale rispetto alle richieste di ristrutturazione degli immobili anche in relazione al Decreto-legge del super ecobonus 110%, che da due anni ha permesso agli italiani di fare più serenamente investimenti sulle proprie case. In seguito all’annuncio del superamento delle domande rispetto ai fondi statali messi a disposizione e alla successiva crisi di governo, che ancora deve decidere se e come rifinanziare la misura, hanno fatto registrare un netto calo della richiesta di prestazioni, da gennaio a luglio e un cambio di priorità di ristrutturazione.

ProntoPro ha preso in esame i servizi legati al bonus 110% quali: Ristrutturazione Casa, Installazione e/o sostituzione finestre, Installazione e/o sostituzione di pannelli fotovoltaici, Rifacimento delle facciate, Installazione o sostituzione della caldaia. Questi servizi hanno registrato quasi tutti un calo nelle domande, tranne l’installazione o sostituzione delle caldaie che ha avuto, in media da gennaio a luglio, un ottimo riscontro, evidenziando una crescita di richieste del 65%, trendtrainato probabilmente dal caro energia, dato che una caldaia di ultima generazione a condensazione può consumare il 30% in meno di un modello obsoleto. 

Perdono domanda invece i servizi legati alla ristrutturazione della casa (-70% da inizio 2022), seguiti dal rifacimento delle facciate (-37%), l’installazione delle finestre (-27%) e l’installazione di pannelli fotovoltaici (-5%).

Nel 2020 l’Osservatorio di ProntoPro per i servizi, Pronto Trends, aveva registrato il picco massimo di richieste per la ristrutturazione della casa in ottobre, prima in classifica tra le priorità degli italiani dopo il primo lockdown, ma soprattutto dopo la conferma dell’attivazione del Bonus 110. A seguire si trovavano l’imbiancatura delle pareti interne, l’installazione della caldaia, di nuove finestre e dei pannelli solari.

Già nel 2021 la top 5 dei servizi più richiesti dell’anno secondo i dati Pronto Pro cambia e vede i pannelli solari salire al terzo posto con picco di domanda a gennaio, mentre nel 2022, la ristrutturazione della casa scende al secondo posto, dopo l’imbiancatura delle pareti interne, e prima dell’installazione di pannelli solari. Il cambio di passo è probabilmente dovuto anche alle incertezze registrate in questo primo semestre sugli incentivi offerti dal governo, per cui la Ristrutturazione Casa, che richiede anche un grande investimento di tempo, è stata sostituita da ammodernamenti che hanno bisogno di un impegno ben diverso.

Il 2022 vede -70% di richieste, da gennaio, per la ristrutturazione della casa, con un picco al ribasso mese su mese in giugno, -44%. È possibile che a indirizzare le decisioni degli italiani, siano state le condizioni dettate dal conflitto Russia-Ucraina che non assicurava la fornitura di materie prime e poi, la crisi di governo per cui si è spostato lo sguardo verso investimenti che migliorino gli spazi in cui viviamo con costi minori in termini di tempo, energia e denaro.

Dato interessante nei servizi per gli ambienti esterni, è l’aumento di richieste per la progettazione di giardini, richiesto dal 36% del pubblico di ProntoPro nel 2022 rispetto al 16% del 2020, una scelta forse incoraggiata anche dallo smart working che ha spinto le persone a rendere più accoglienti le proprie case; di contro si registra un calo per le piscine interrate, dal 47% nel 2020 a solo il 12% nel 2022 e quelle fuori terra dal 22% al 12% nel 2022.

Sugli ambienti interni invece, stabili le imbiancature delle pareti, con leggera flessione nelle richieste per l’anno 2021 (66%), rispetto al 2020 quando erano il 73% e nel 2022 tornano al 71%. Un altro must sembra essere la ristrutturazione del bagno che nel 2020 copriva il 12% delle richieste, oscillando al 19% nel 2021 e poi di nuovo al 12% nel 2022. Non cambia la percentuale di richiesta per i mobili su misura, l’interior design e la ristrutturazione delle cucine.

ProntoTrends: l’Osservatorio sull’evoluzione e le tendenze nel mercato dei servizi

L’Osservatorio sui servizi per migliorare la casa è una delle tematiche che ProntoPro affronta all’interno del nuovo progetto ProntoTrends: uno strumento per la stampa, ma anche per clienti e professionisti che utilizzano il portale, in cui vengono raccolte informazioni sulle tendenze del settore dei servizi professionali. Mette in evidenza i cambiamenti della domanda nel corso dell’anno e le differenze a livello geografico e viene aggiornato ogni mese con un nuovo focus su un tema specifico.

Articolo precedenteDa oggi, vivere in un ambiente sano è un diritto umano fondamentale
Articolo successivoRifiuti plastici urbani in Europa, a Nextchem il Front-End Engineering Design di un impianto di riciclo meccanico avanzato

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui