Economia Circolare: Itelyum punta al Sud con Castiglia

Con un investimento sulla grande infrastruttura pugliese per la gestione dei rifiuti, Itelyum amplia l’offerta di servizi integrati per l’industria nella gestione, riciclo e valorizzazione dei rifiuti industriali

Itelyum

Itelyum, leader nazionale e player internazionale nella gestione, riciclo e valorizzazione dei rifiuti industriali, consolida l’offerta di soluzioni ambientali per il settore dell’economia circolare con l’acquisizione di Castiglia S.r.l. Un’ operazione che si inserisce in uno scenario di crescita per il Sud, in coerenza con le linee guida di Next Generation EU, al riequilibrio territoriale e al rilancio della sua competitività.

Storica azienda di Massafra in provincia di Taranto, Castiglia opera da 20 anni nei settori della gestione sostenibile dei fanghi rivenienti dal trattamento e depurazione delle acque e dei servizi ad alto valore aggiunto per la grande industria, fra i quali gestione e manutenzione delle reti idriche e degli impianti acquedottistici, demolizioni, bonifiche, risanamenti e revamping di impianti industriali, e servizi ambientali portuali.

Leggi anche Ecco le prime bottiglie ottenute dal riciclo enzimatico della plastica

Oggi Itelyum, attraverso gli impianti del gruppo, gestisce complessivamente oltre 1 milione di tonnellate di rifiuti speciali, genera ricavi di circa 400 milioni di euro, con oltre 700 dipendenti e 23 siti operativi.

“Castiglia S.r.l. – commenta Marco Codognola, Amministratore Delegato Itelyum – permette ad Itelyum di ampliare l’offerta verticale di gestione sostenibile delle acque e fanghi da depurazione, di rafforzare le sinergie all’interno dei siti operativi Itelyum e posizionarsi come player di riferimento per la gestione dei rifiuti industriali nel sud Italia, attraverso servizi integrati verso la grande industria nazionale privata e pubblica. Nell’ottica dello sviluppo sostenibile, lavoriamo a supporto del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e la Regione Puglia è pronta per questa incredibile opportunità che permetterà alle eccellenze del comparto di creare nuova occupazione, aumentare la qualità dell’ambiente, preservare le risorse naturali e ridurre le emissioni di gas serra.”

Leggi anche Svelati i primi mattoncini LEGO fatti con plastica riciclata

L’azienda Castiglia, con all’attivo oltre 120 dipendenti e un moderno impianto di stoccaggio e trattamento che gestisce oggi 45.000 t/anno di rifiuti, in corso di ampliamento e già autorizzato per 90.000 t/anno (fra i più grandi per capacità autorizzata in Puglia). Attraverso una flotta che conta più di 200 automezzi e macchinari dedicati, Castiglia rappresenta un partner di riferimento a servizio dell’industria privata e pubblica offrendo, con alte competenze e apparecchiature specialistiche, servizi di prim’ordine nella gestione sostenibile di rifiuti speciali pericolosi e non. “Siamo fieri di far squadra con un socio di prestigio come Itelyum – racconta il fondatore Natale Castiglia – e di portare in un grande gruppo l’esperienza maturata in oltre 20 anni di attività nel settore. La collaborazione con Itelyum ci permetterà di accelerare sull’ambizioso piano di crescita e come player di riferimento per la valorizzazione dei rifiuti industriali nel centro-sud Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui