Esiste un collegamento diretto tra cambiamento climatico e bollette in aumento?

Studio di Schneider Electric: Quasi 9 persone su 10 credono che il cambiamento climatico farà aumentare ancora la bolletta energetica se la temperatura media globale aumenterà di oltre 1,5 °C. Più della metà si aspetta che gli edifici di nuova costruzione siano dotati di soluzioni smart

Dl Aiuti bis: nuovo taglio bollette, più tutele sul gas
via depositphotos.com

Schneider Electric, il leader nella trasformazione digitale della gestione dell’energia e dell’automazione, rivela che quasi 9 consumatori su 10 a livello mondiale (l’86%) ritengono che il cambiamento climatico porterà all’aumento della bolletta energetica, e i singoli dovrebbero avere un ruolo più importante nella lotta a questo fenomeno.

I dati più importanti emersi dallo studio condotto sui consumatori sono i seguenti.

  • 7 persone su 10 (il 72%) considera una priorità personale ridurre l’impronta di carbonio
  • Oltre la metà (55%) ritiene importante che gli edifici in cui vivono diventino “net zero”, ma meno di un terzo (il 31%) pensa che questo possa veramente accadere
  • Oltre la metà (55%) pensa che sia responsabilità degli individui combattere il cambiamento climatico

Jaap Ham, Associate Professor in the Industrial Engineering & Innovation Sciences all’Università della Tecnologia di Eindhoven, che ha dato consulenza su questo studio, commenta:  “L’aumento dei prezzi dell’energia e un costo della vita più alto che mai, unito al numero crescente di veicoli elettrici su strada e di device alimentati con energia elettrica, rende la gestione dell’energia a livello residenziale una delle aree di maggiore importanza per i consumatori, per i costruttori, per le aziende e per i governi di tutto il mondo. I dati della ricerca mostrano che molto vogliono cambiare, ma sono pessimisti su quanto le loro scelte possano fare la differenza, mentre, in realtà, il futuro è davvero nelle nostre mani se rendiamo i luoghi dove viviamo più sostenibili con l’aiuto delle moderne tecnologie di gestione dell’energia”.

leggi anche Elettricità 4.0, la lotta alla crisi climatica parte da qui

L’ostacolo più grande al cambiamento, oggi, sono i nostri schemi mentali” prosegue il prof. Ham. “Abbiamo come un blocco psicologico, che ci porta a sottrarci alla responsabilità di agire. La ricerca mostra che se adottiamo soluzioni intelligenti e digitali per combattere il “nemico invisibile” negli sprechi del consumo e nella gestione dell’energia, se sostituiamo i combustibili fossili con elettricità da fonti pulite e intelligente cambiando “la dieta energetica” degli edifici, possiamo vedere in concreto il contributo significativo che diamo alla lotta al cambiamento climatico. Inoltre, dovremmo poter fare il bene dell’ambiente senza compromessi sul benessere”.

I consumatori cercano strumenti smart per migliorare l’efficienza energetica domestica

Lo studio rivela anche che i consumatori, oggi, vogliono avere uno stile di vita sostenibile, e indicano come principale priorità l’efficienza energetica a livello residenziale.

  • Il 40% dei rispondenti crede che le tecnologie per gli edifici smart possano aiutare a rendere più sostenibili le loro case
  • Oltre la metà (54%) si aspetta che i nuovi edifici residenziali siano equipaggiati con tecnologie smart home, un 13% in più di quanti avevano la stessa aspettativa in una rilevazione condotta nel 2020
  • Individui e famiglie sono disposti a spendere in media 1.995 euro nei prossimi 12 mesi per aumentare l’efficienza energetica; chi ha già adottato tecnologie smart e ne ha già visto i vantaggi è disposto a spendere 2.613 euro, mentre chi non ne ha mai usate è disposto a spendere 1.079 euro. 
  • Tra le tre tecnologie più acquistate vi sono quelle per l’illuminazione e la regolazione della temperatura smart

Il costo della vita generalmente in aumento e poter gestire costi e consumi dell’energia sono i due motivi principali che spingono i consumatori ad agire e investire in soluzioni smart e sostenibili.

Il contributo di Schneider Electric

Rispondendo all’esigenza di un’innovazione sostenibile che consenta ai consumatori di migliorare l’efficienza energetica e la sostenibilità a livello di edifici residenziali, Schneider Electric si fa avanti per contribuire a risolvere le sfide energetiche di oggi e di domani. Introducendo soluzioni e materiali innovativi per ridurre l’impronta di carbonio, collaborando con altri e sfruttando appieno la potenza delle sue tecnologie e dei suoi servizi, l’azienda può contribuire a rendere più intelligente ed efficiente l’uso dell’energia residenziale e a ridurre l’impatto di questo settore sul pianeta.

Articolo precedenteGiornata dell’Amazzonia 2022: evitare il punto di non ritorno
Articolo successivoI limiti dello sviluppo, 50 anni dopo. La chiave? Combattere le disuguaglianze

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui