Fondazione Evolve lancia l’ingegneria umanistica e la sfida della circolarità

Per l’occasione, la Fondazione di Maire Tecnimont ospita la tappa milanese della mostra “Second Life: tutto torna”, con opere di giovani artisti in tema di sostenibilità

evolve

Ieri presso la Fondazione Evolve di Maire Tecnimont si è discusso dei temi di economia circolare, arte e cultura con Giuseppe Sala, Sindaco di Milano e Raffaele Cattaneo, Assessore all’Ambiente e Clima di Regione Lombardia, Alberto Irace, AD Alia Servizi Ambientali S.p.A, Fabrizio Di Amato, Presidente della Fondazione Evolve Maire Tecnimont e del Gruppo Maire Tecnimont, nonché rappresentanti del mondo dell’arte quali Marco Meneguzzo, docente di storia dell’Arte all’Accademia di Brera e curatore della mostra, l’artista Pietro RuffoIlaria Catastini, Direttore Generale della Fondazione Evolve. Il dibattito prende le mosse dalla tappa milanese della mostra “Second Life: tutto torna”, un concorso dedicato alle opere di giovani artisti che scelgono di interrogare la loro vena creativa sul rapporto con la sostenibilità.

L’ingegneria oggi è di fronte ad una grande sfida: interpretare scenari che impongono storici cambi di paradigma, fornendo risposte creative, innovative ed efficaci. Senso critico e intelligenza creativa rappresentano la spina dorsale e la linfa vitale della leadership italiana nel mondo, fondata sull’ingegno unito al senso della bellezza.

La Fondazione Evolve, inaugurata a fine 2021 e vocata a fungere da trait d’union tra passato, presente e futuro, nasce intorno ad un archivio storico di settemila disegni e progetti che includono anche famosi ingegneri e architetti italiani, arricchito da una selezione di strumenti storici di misurazione e calcolo, e ha lo scopo di accompagnare la formazione degli “ingegneri umanisti” del domani, figure in grado di contribuire al percorso di evoluzione dell’umanità fornendo soluzioni tecnologiche di eccellenza, ispirate ai progressi tecnologici e dell’intelligenza artificiale e in grado di interpretare i bisogni sociali, etici e ambientali nell’era della transizione energetica e della digitalizzazione.

Raffaele CattaneoAssessore all’Ambiente e Clima di Regione Lombardia ha commentato: “La transizione ecologica e la sfida della circolarità richiedono un’adeguata antropologia che porta nuovamente a chiedersi il “per chi” viene fatta un’azione, un impianto, un prodotto. L’ingegno non può essere fine a sé stesso ma deve sempre avere come orizzonte il “ben-essere” dell’uomo e del creato che ad esso è stato affidato”.

È la riscoperta di quell’ingegno tutto italiano che ha lasciato segni tanto preziosi nel mondo e che tiene insieme visione, cultura, intelletto, spirito imprenditoriale” dichiara il Presidente di Maire Tecnimont Fabrizio Di Amato, anche Presidente della Fondazione

Secondo Alberto IraceAD Alia Servizi Ambientali “Le competenze e le intelligenze sono impegnate a ridisegnare il modo di produrre e di vivere secondo principi di sostenibilità, si tratta di pensare e fare in modo diverso e inedito. La tecnica sempre più deve promuovere condivisione e accettazione di un mondo che è in divenire”.

Articolo precedenteL’economia circolare e la raccolta differenziata in Italia: al via l’Ecoforum 2022
Articolo successivoSENEC presenta le nuove Wallbox dmp2 e dmp3

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui